8 novembre 2010

...

La richiesta, approvata all’unanimità del consiglio comunale, verrà ora inviata alle presidenze della Repubblica e del Consiglio dei Ministri per l’approvazione: «la ridefinizione e l’adeguamento del simbolo assisiate – ha spiegato Ricci durante la seduta – sono necessari in base alle normative araldiche ufficiali».

«Lo stemma – si legge in un comunicato del sindaco – diventerà più rettangolare (come già affrescato in alcuni luoghi di palazzo dei priori sede del comune) e verranno aggiunti, in basso, una fronda di quercia, alloro e nastro tricolorato. La croce in campo blu – prosegue – diventerà più simmetrica e il leone, in campo rosso, assumerà una “positura di rampa” (senza appoggio verde, ndr). Verrà riportata – conclude Ricci – la secolare dicitura “seraphica civitas”, a testimonianza dei valori serafici francescani che si sono coniugati con quelli istituzionali».

La parte più interessante è tuttavia rappresentata dalla sostituzione dell’attuale corona d’argento con la prestigiosa corona d’oro: tale modifica implica la richiesta di ottenere l’importante titolo di città, che, si augura Ricci, possa essere accettata di buon grado a Roma.



...

Sabato 6 novembre 2010 il sindaco di Assisi Claudio Ricci, come Presidente delle città e dei siti italiani patrimonio mondiale Unesco, ha presenziato, a San Gimignano (Toscana), alle cerimonie nazionali per i 20 anni dall’inserimento della “città delle torri” nella lista del patrimonio mondiale Unesco.









6 novembre 2010








5 novembre 2010





...

La seduta consiliare assisiate, in programma per venerdì 5 novembre, si preannuncia accesa e potenzialmente ricca di sorprese. Di seguito l’ultimo comunicato del PdL, i cui toni caustici e sarcastici dimostrano l’esasperazione di una spaccatura il cui peso comincia a farsi sentire, sia da una parte sia dall’altra.




4 novembre 2010

...

L’associazione teatrale bastiola ‘Scaramante’ ha partecipato al Festival Nazionale di Teatro amatoriale “Di scena a Fasano”, svoltosi a Fasano in provincia di Brindisi. La compagnia ha ottenuto un premio speciale portando in scena lo spettacolo “La ridiculosa historia de Pulcinella cornuto immaginario”.


...

Le celebrazioni per la giornata dell’Unità Nazionale e Festa delle Forze armate si svolgeranno a Cannara nella giornata di Domenica 7 Novembre. Il programma di quest’anno, predisposto come di consueto dal Comune e dalle Associazioni Combattentistiche e d’Arma, prevede un evento straordinario: il ritorno nella terra natale delle spoglie mortali del soldato Sabatino Bruschi.




...

“Un’offensiva via internet, che passi attraverso il restyling e l’arricchimento di contenuti del sito web del Comune”: il candidato sindaco Carlo Cianetti critica l’amministrazione su tutti i fronti, compreso il turismo, sottolineando l’inadeguatezza del portale del Comune di Assisi ai fini della promozione turistica.


...

L’inaugurazione dell’anno accademico 2010/2011 dell’Università Libera è stato un successo andato ben oltre le aspettative. L’università, che vanta un notevole ampliamento delle attività e un ragguardevole aumento degli iscritti, si trasferirà nella nuova sede, presso la Parrocchia.



3 novembre 2010


...

“Assisi perde nuovamente un’occasione per i nostri giovani”: questa l’accusa mossa dal consigliere del Partito Democratico Claudia Maria Travicelli in merito all’iniziativa dell’Anci, dedicata ad attività di volontariato giovanile, a cui il Comune di Assisi non ha aderito.



...

Sono riprese a settembre le attività dei due nidi d’infanzia comunali “Piccolo Mondo” e “L’albero degli gnomi” di Bastia Umbra, che accolgono 92 bambini. Insieme ai cinque nidi privati presenti nel territorio le strutture offrono una valida risposta all’esigenza delle famiglie di conciliare i tempi di cura con quelli lavorativi.



...

Sulla penuria di case popolari Carlo Cianetti, candidato sindaco della coalizione di centrosinistra “Buongiorno Assisi”, dichiara: “ci sono i soldi per le case popolari, ma il Comune non li vuole”. Per Cianetti la causa non è da attribuire, dunque, alla mancanza di fondi, ma a una precisa scelta dell’amministrazione comunale.