Idv e Mongolfiera per la tutela ambientale e paesaggistica

assisi 1' di lettura 29/07/2010 -

Entrambi i partiti di minoranza denunciano l'eccessiva cementificazione di molte zone di Assisi e Santa Maria, a discapito del paesaggio, talvolta nascosto a causa del cemento facile.



Ad intervenire sulla questione è Paolo Brufani, ex presidente del consiglio comunale e attuale esponente Idv, con un'esplicita denuncia a quelle costruzioni che non tengono conto del panorama, oscurando troppo spesso i monumenti.
Brufani sostiene che in alcune zone di Santa Maria sia addirittura impossibile scorgere interi pezzi di Assisi.
Parte del problema è da imputare alla nuova tendenza di costruire tetti piani cosiddetti "a terrazzo", ossia panoramici, piuttosto che i tradizionali e spioventi tetti a falde piane riunite; anche ciò contribuisce all'oscuramento della visuale di Assisi, e talvolta anche quella della stessa Basilica Papale di Santa Maria.

Alla polemica si unisce la Mongolfiera, che torna a denunciare, tramite il proprio blog, la costruzione selvaggia sulla collina nelle vicinanze dello stadio degli Ulivi.
Infatti in quella zona, dove prima sorgeva una casa soltanto, ora nasce un palazzone, che consuma il territorio di una zona preziosa e delicata, ovvero quella alle pendici del Subasio che porta all'Abbazia di S.Benedetto e all'Eremo.






Questo è un articolo pubblicato il 29-07-2010 alle 18:56 sul giornale del 30 luglio 2010 - 623 letture

In questo articolo si parla di attualità, urbanistica, edilizia, italia dei valori, paesaggio, assisi, la mongolfiera

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aLb