La Regione stanzia 25mila euro di contributi per sagre ecosostenibili

plastica 2' di lettura 13/08/2010 -

Potrebbe essere la svolta ecosostenibile delle sagre paesane. Il contributo è erogato per incentivare la raccolta differenziata e l’uso di stoviglie biodegradabili, riutilizzabili o “a rendere”: le stoviglie di plastica comumenente usate non sono infatti riciclabili e vengono incenerite perché non classificabili come imballaggio. Raddoppiati i contributi in caso di acquisto di lavastoviglie.



È stato pubblicato, sul supplemento ordinario n.2 del Bollettino Ufficiale della Regione Umbria (“Bur”) n. 35 (serie generale) del 4 agosto 2010, l’avviso pubblico per la concessione di contributi a sostegno delle “ecofeste”, feste e sagre con azioni di tutela dell’ambiente, in particolare per la riduzione della produzione dei rifiuti e un adeguato sistema di raccolta differenziata. La Regione Umbria, a questo scopo, ha stanziato 25mila euro.

“Un provvedimento – sottolinea l’assessore regionale all’Ambiente Silvano Rometti – che vuol essere di stimolo e premio a quelle iniziative organizzate nel rispetto dell’ambiente e che contribuiscano al conseguimento delle priorità fissate dal Piano regionale dei rifiuti, attraverso l’applicazione e la diffusione delle ‘buone pratiche’ di gestione dei rifiuti”.

Possono presentare domanda di contributo organizzatori o promotori di feste o sagre, anche in forma associata, che organizzino nel territorio regionale almeno un evento della durata di almeno otto giorni, che si sia svolto o sia da svolgere entro il 2010. In ogni festa o sagra, deve essere contenuta la produzione di rifiuti usando stoviglie riutilizzabili o biodegradabili oppure somministrando cibi e bevande sfuse o distribuite in ‘vuoti a rendere’ o contenitori riusabili. Inoltre, va effettuata la raccolta differenziata di organico, olii esausti, vetro, plastica, alluminio, carta e cartone.

Il contributo è stabilito in 1000 euro per ciascuna “ecofesta” e, comunque, fino a un massimo del 50 per cento delle spese sostenute e documentabili per l’acquisto di stoviglie riutilizzabili o biodegradabili e attrezzature per la raccolta differenziata. È previsto un contributo di 2000 euro se si acquistano anche macchinari e attrezzature per il lavaggio delle stoviglie.

Le domande, predisposte secondo un apposito modello, devono essere presentate entro trenta giorni dalla data di pubblicazione sul “Bur”, a Regione Umbria – Direzione Ambiente, Territorio e Infrastrutture – Servizio regionale Qualità dell’ambiente, Gestione dei rifiuti e attività estrattive – Piazza Partigiani n.1 06121 Perugia.
L’avviso, insieme ai modelli di domanda e rendicontazione, è disponibile anche “on line”, sul portale della Regione Umbria, all’indirizzo www.ambiente.regione.umbria.it.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-08-2010 alle 23:54 sul giornale del 14 agosto 2010 - 1541 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, raccolta differenziata, sagre, umbria, regione umbria, plastica

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/beY