Assisi - Ricami, paramenti e oggetti religiosi ad Assisi Arte Sacra

assisi arte sacra 2010 3' di lettura 09/10/2010 -

Una vera e propria mostra di opere d’arte, oltre che una rassegna di oggetti religiosi, è quella che è stata inaugurata ufficialmente venerdì 8 ottobre ad Assisi, per appassionati del settore, turisti e curiosi che non si sono lasciati sfuggire l’occasione di poter ammirare bellezze provenienti da tutta Italia e raccolte in un unico ambiente particolarmente suggestivo come quello di palazzo Monte Frumentario.



È la prima edizione di “Assisi arte sacra”, ideata e organizzata dalla cooperativa Akantho, che va in scena fino a domenica 10 ottobre (tutti i giorni dalle 10 alle 20, con ingresso libero) e mette in mostra sculture, statue, mosaici e vetrate artistiche, arte orafa, immagini sacre, paramenti, tabernacoli, argenti e campane ma anche i rosoni artistici in merletto fatti a mano, come quello della cattedrale di Foligno, di tre metri per tre, riprodotto in filo d’argento dall’Arnaldo Caprai, celebre per l’eccellenza e la raffinatezza dei suoi ricami.

Settanta gli espositori provenienti da tutta Italia che presentano opere di alto artigianato: le sculture e gli arredi sacri dalla Val Gardena e dal Veneto, i presepi dalla Campania, le custodie finemente ricamate per lezionari, breviari e bibbie dalle Marche, amboni in marmo ed opere di mastri vetrai dal Trentino, organi fatti a mano dalle piccole botteghe siciliane e toscane, e i restauratori specializzati nella conservazione di antichi monumenti religiosi dall’Umbria alla Calabria.

Al taglio del nastro erano presenti il sindaco Claudio Ricci, il vicario episcopale per la cultura, monsignor Vittorio Peri, il direttore dell’ufficio liturgico diocesano, don Antonio Borghi, e l’assessore comunale Daniele Martellini.

“Palazzo Monte Frumentario – ha spiegato il sindaco Ricci – è uno spazio importante per accogliere piccoli congressi, mostre e fiere di alta qualità come questa dedicata agli oggetti e all’arte connessa con il sacro. Peraltro questa iniziativa è particolarmente attinente all’immagine e ai valori della città serafica. Attraverso l’arte si possono far passare valori e messaggi cristiani ma più in generale si può comunicare il bello, il bene e ciò rappresenta un veicolo di grande sensibilizzazione del nostro animo”.

“Un percorso espositivo da non perdere – ha confermato Luigi Minucci, presidente della cooperativa Akantho –. Una rassegna di alto artigianato da tutta Italia. Ci sono delle opere eccezionali. Gli espositori sono contenti della location: il palazzo Monte Frumentario, che è stato recentemente restaurato, considerato particolarmente adatto ad accogliere una iniziativa del genere”.

Dalla stessa idea monsignor Peri, per il quale “la scelta di Assisi per questa manifestazione è particolarmente felice. Si tratta di una rassegna di arte sacra di alta qualità, che vuole esaltare la bellezza dei misteri cristiani perché noi parliamo sempre di via crucis ma c’è anche la via lucis, la via dello splendore”.
Una rassegna che prevede per gli anni prossimi una apertura alle altre religioni, nonostante le diversità di opinioni rispetto alla rappresentazione del sacro: “La curia – ha commentato Peri – ha valutato positivamente la possibilità che nelle prossime edizioni possano essere ospitati oggetti di altri religioni, in quanto la fede si esprime nella bellezza non solo nel cristianesimo ma anche negli altri culti e questa può essere un’ulteriore occasione di incontro tra culture e religioni qui ad Assisi”.

Nell’ambito del programma della manifestazione, sabato 9, alle ore 20.30, nella chiesa San Gregorio Magno, sarà possibile assistere a una serata musicale (con ingresso libero ad offerta) il cui ricavato sarà devoluto interamente all’Istituto Serafico, centro specializzato nella riabilitazione, nell’educazione e nell’inserimento sociale di persone con grave disabilità plurima, le quali, nonostante le loro difficoltà, hanno contribuito alla rassegna con una trentina di opere pittoriche in esposizione.


(Avi News)








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-10-2010 alle 00:05 sul giornale del 09 ottobre 2010 - 2688 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, assisi, comune di assisi, assisi arte sacra 2010

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/c6v