Assisi vuole diventare una città: addio al vecchio stemma

Comune di Assisi 07/11/2010 -

La richiesta, approvata all’unanimità del consiglio comunale, verrà ora inviata alle presidenze della Repubblica e del Consiglio dei Ministri per l’approvazione: «la ridefinizione e l’adeguamento del simbolo assisiate – ha spiegato Ricci durante la seduta – sono necessari in base alle normative araldiche ufficiali».

«Lo stemma – si legge in un comunicato del sindaco – diventerà più rettangolare (come già affrescato in alcuni luoghi di palazzo dei priori sede del comune) e verranno aggiunti, in basso, una fronda di quercia, alloro e nastro tricolorato. La croce in campo blu – prosegue – diventerà più simmetrica e il leone, in campo rosso, assumerà una “positura di rampa” (senza appoggio verde, ndr). Verrà riportata – conclude Ricci – la secolare dicitura “seraphica civitas”, a testimonianza dei valori serafici francescani che si sono coniugati con quelli istituzionali».

La parte più interessante è tuttavia rappresentata dalla sostituzione dell’attuale corona d’argento con la prestigiosa corona d’oro: tale modifica implica la richiesta di ottenere l’importante titolo di città, che, si augura Ricci, possa essere accettata di buon grado a Roma.



Durante il consiglio comunale di venerdì 5 novembre è stato approvato il 6° punto all’ordine del giorno, che darà il via al percorso di adeguamento di stemma, gonfalone e bandiera, nonché alla richiesta formale del titolo di città.






Questo è un articolo pubblicato il 07-11-2010 alle 18:01 sul giornale del 08 novembre 2010 - 2237 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, stemma, sara caponi, Gonfalone, comune di assisi, consiglio comunale assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/d75