Assisi - Bartolini: ''provvedimento vergognoso. Ricci spinto dall'ansia dei perdenti''

giorgio bartolini 17/11/2010 -

In seguito al ritiro delle deleghe, giunge a stretto giro di posta l’aspro commento dell’ormai ex vice sindaco Giorgio Bartolini: “a Ricci non interessa il nostro territorio. La sua candidatura è strumentale ai suoi miraggi di future carriere politiche. La Lista Bartolini prosegue il suo cammino”.



Il provvedimento con il quale il sindaco Ricci mi ha ritirato la delega da assessore è pretestuoso, contraddittorio e vergognoso, in quanto finalizzato solo ad eliminare un suo concorrente alla candidatura a sindaco di Assisi.

Ricci già un anno fa aveva pubblicamente affermato, su tutta la stampa regionale, che non si sarebbe presentato alle prossime elezioni. Pensava, infatti, di potersi candidare alla Presidenza della giunta regionale dell’Umbria. Improvvisamente, sfumata la sua illusione, non solo ha cambiato idea, ma per pavidità mi ha cacciato, spinto “dall’ansia dei perdenti”.

Siccome non può addebitarmi incuria o quant’altro nell’amministrazione, il motivo di questa scelta scriteriata consiste unicamente nel fatto che sono d’intralcio alla sua candidatura. Ricci mescola così il piano amministrativo con quello politico, che è poi solo quello delle sue ambizioni personali.

La sua candidatura è stata gestita dal PDL perugino (lo stesso che non lo ha voluto alle elezioni regionali!) ed è finalizzata non certo al servizio del territorio, poiché è solo strumentale ai suoi miraggi di future carriere politiche.
Assisi per lui resta solo un trampolino di lancio. Non gli interessa del nostro territorio, come ha dimostrato quando, sedotto dalle sirene di un seggio in consiglio regionale, avrebbe senza indugio lasciato l’amministrazione di Assisi nel pieno della legislatura.

In questi anni da sindaco Ricci – come ho potuto ben constatare di persona – ha tenuto un atteggiamento ben diverso da quando era vice sindaco. Per questo non mi meraviglio più di tanto, nella sua veste di falsamente umile, del suo comportamento attuale, irriguardoso e protervo, che non mi sorprende e non mi crea né amarezza né delusione.

La Lista Bartolini, come a tutti noto, non è nata per ambizioni personali o per servire da trampolino alle mire politiche di qualcuno dei suoi membri, ma solo per servire realmente i cittadini del territorio e garantire efficienza e concretezza all’amministrazione comunale.

Ancora una volta tessitori non troppo nascosti di trame perugine e bastiole, che in questo caso si servono di Ricci dopo averne osteggiato la candidatura solo pochi mesi fa, cercano ora di estromettere amministratori che mai in passato si sono piegati ad oscuri interessi politici contrari al bene della nostra città.
Assisi non ha bisogno di attori che amano apparire e che promettono tutto a tutti senza mantenere.

La Lista Bartolini prosegue con accresciuto impegno il suo cammino, con la certezza che gli elettori sapranno capire e scegliere chi davvero s’impegnerà per il bene dell’intero territorio di Assisi e degli Assisani.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2010 alle 16:26 sul giornale del 18 novembre 2010 - 796 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, claudio ricci, giorgio bartolini, lista bartolini assisi, elezioni comunali assisi 2011, ritiro delle deleghe

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/er9