Assisi: incidenti stradali, Infojò prosegue la battaglia di prevenzione

prevenzione incidenti stradali 4' di lettura 28/12/2010 -

Forte del successo della scorsa estate, il servizio Infojò prosegue la sua campagna di sensibilizzazione volta alla prevenzione di incidenti stradali. Si rinnova, così, la sinergia tra i Comuni del comprensorio assisano e la Asl n.3 per informare ed educare i giovani a un uso corretto della strada.



«"Sull'asfalto scorre sangue troppo giovane", "Incubo-incidenti, la strage continua": sono alcune frasi che capita di leggere sui nostri giornali e che, periodicamente, riportano sotto i riflettori il tema dell'incidentalità stradale.

"Gli sforzi fatti a vari livelli per contrastare il fenomeno - precisano gli assessori del Comune di Assisi Moreno Massucci e Daniele Martellini - hanno contribuito alla diminuzione delle vittime, ma il numero di morti e feriti, tutt'ora consistente, e la forte incidenza nelle fasce giovanili ci portano a non abbassare la guardia."

In tale ottica il servizio Infojò della zona sociale 3 (comprensorio assisano) prosegue con successo la sua campagna di sensibilizzazione sul tema del consumo consapevole e moderato di sostanze alcoliche per una maggiore sicurezza stradale.



Infojò è un servizio di animazione di comunità e promozione della salute, rivolto in primis ai giovani, promosso dalla conferenza di zona dell'assisano (sindaco Stefano Ansideri di Bastia Umbra, assessori Moreno Massucci e Daniele Martellini di Assisi, assessore Rosita Tomassetti di Bettona, assessore Elisabetta Galletti di Cannara, assessore Silvia Ilicini di Valfabbrica) e gestito dalle cooperative sociali "Asad" e "La Goccia".

Dalla sua inaugurazione nel giugno '08 ad oggi Infojò ha proposto molteplici attività di sensibilizzazione, con particolare riguardo alla problematica degli incidenti stradali.
In letteratura si rileva infatti che i giovani sono poco informati dei fattori di rischio degli incidenti stradali; in particolare il gruppo più vulnerabile è quello dai 13 ai 29 anni.
Per queste ragioni, per la terza estate consecutiva, il camper di Infojò è stato presente alle sagre di Castelnuovo, Santa Maria degli Angeli, Rivotorto, Valfabbrica, Casacastalda, Bettona, Passaggio di Bettona, Cannara, Costano e alla Mezzanotte Bianca e al Palio di S. Michele di Bastia Umbra, coinvolgendo più di 1000 ragazzi, per sensibilizzare al consumo consapevole e moderato dell'alcol.

Grazie all'ausilio di un simulatore di guida e di strumenti che riproducevano alcuni effetti dell'alcol sulla vista (riduzione del campo visivo laterale, vista doppia, annebbiamento), i giovani hanno potuto confrontarsi, in un contesto giocoso, coi rischi della guida in stato di ebbrezza e attivare su detta tematica il loro pensiero critico.
Durante la Mezzanotte Bianca, inoltre, gli operatori Infojò hanno offerto ai giovani cocktails analcolici per invitare a bere in modo diverso, con la collaborazione di un barman professionista e la sponsorizzazione del Conad Superstore di Bastia Umbra.

InfoJò ha partecipato anche alla campagna Diamoci un taglio, promossa dal Comune di Assisi e gestita dall'assessore alle politiche sociali Martellini, per la prevenzione degli incidenti stradali e, insieme a una classe del Ist. Tecnico Commerciale e per Geometri Bonghi, ha vinto il concorso bandito per creare logo, slogan e cortometraggio per la campagna di prevenzione.




Gli interventi di Infojò proseguiranno anche durante l'inverno: per il secondo anno, su mandato degli assessorati alle politiche sociali della zona sociale e d'intesa col distretto sanitario dell'assisano, fa parte della programmazione 2010/11 un progetto elaborato dalla UOC Igiene e Sanità Pubblica della Ausl 2 "Prevenzione dei danni da traumi stradali: dall'educazione stradale nella scuola all'educazione alla mobilità sostenibile per un uso corretto della strada", cui hanno aderito, nell'anno scolastico in corso come nel precedente, l'Ist. Alberghiero di Assisi, l'Ist. d'Istruzione Superiore Marco Polo di Santa Maria degli Angeli e Bastia Umbra, gli Istituti comprensivi di Assisi 2 (S.M. degli Angeli), Bettona, Cannara e Valfabbrica.

Punto di forza dell'iniziativa è la creazione di sinergie tra le varie istituzioni interessate dalla tematica (Ausl, scuola, forze dell'ordine, polizia municipale, Comuni, associazioni ecc.) e il coinvolgimento delle famiglie dei ragazzi.»






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-12-2010 alle 17:46 sul giornale del 29 dicembre 2010 - 977 letture

In questo articolo si parla di attualità, giovani, sicurezza stradale, alcol e incidenti, incidenti stradali, prevenzione, guida, assisi, comune di assisi, infojò

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/fTb