Assisi: sondaggio elettorale a spese del Comune, la Mongolfiera insorge

sondaggio 2' di lettura 19/01/2011 -

La denuncia viene dal blog della Mongolfiera, secondo cui sarebbe in corso, da parte di Unicab, un sondaggio per verificare il gradimento elettorale del futuro candidato sindaco e "se come afferma la Unicab - si legge nel blog - la ricerca viene fatta per conto del Comune, vuol dire che si stanno usando i soldi pubblici".



«Una società che fa indagini di mercato, la Unicab, sta telefonando alle famiglie per un sondaggio per il Comune di Assisi. Un sondaggio mascherato. Si chiede qual è la qualità della vita ad Assisi, cosa ha fatto l'amministrazione comunale per risolvere i problemi, ma poi si va anche nello specifico e si chiede un giudizio sul sindaco e lo si mette a confronto con l'ex vice.

Insomma siamo di fronte ad un sondaggio elettorale per verificare il gradimento del futuro-candidato sindaco del Pdl.

La cosa è molto grave perché se, come afferma la Unicab, la ricerca viene fatta per conto del Comune, vuol dire che si stanno usando i soldi pubblici, dei cittadini, per un rilevamento che verrà poi utilizzato a fini elettorali.

Immaginiamo che nei prossimi giorni verranno sciorinati i risultati clamorosi: le veline di palazzo ci faranno sap(votare-sondaggio-test-quiz)ere che siamo di fronte ad un altissimo gradimento per l'amministrazione comunale.

D'altronde le domande vengono poste in modo che chi è intervistato risponda positivamente. Si afferma che il sondaggio è per il Comune e così si crea già una sorta di timore reverenziale. Poi si procede con una domanda vaghissima sulla "qualità della vita in Assisi". E facile immaginare che grande parte dei cittadini risponda che la qualità è buona. Poi si va avanti sui problemi, etc...

Invitiamo Claudio Ricci e la giunta tutta a fare molta attenzione e a rendere pubblico, ove il sondaggio non fosse stato direttamente commissionato dal Comune, chi sia il munifico benefattore e quali ringraziamenti si aspetti in cambio. Abbiamo già notizie di regalìe e munificenze elettorali a spese del comune. Di questo sondaggio, se dovesse essere in qualche modo coinvolta l'amministrazione comunale, informeremo la Corte dei Conti, perché deve essere chiara una cosa: la campagna elettorale di Ricci non deve essere pagata con i soldi dei cittadini






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-01-2011 alle 16:20 sul giornale del 21 gennaio 2011 - 1414 letture

In questo articolo si parla di politica, sondaggio, assisi, claudio ricci, la mongolfiera, elezioni comunali assisi 2011, gradimento

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gt6