Morto per overdose l'imprenditore di Petrignano, arrestato il pusher

Arresto 1' di lettura 02/02/2011 -

Sarebbe un 23enne marocchino il pusher che ha ceduto la dose di eroina, presumibilmente letale, all'imprenditore di 44 anni, originario di Petrignano di Assisi, trovato morto nella giornata di martedì dentro la sua auto, nei pressi del campo sportivo di Ospedalicchio, frazione di Bastia Umbra.



È probabile che l'autopsia disposta sul corpo dell'uomo confermi l'ipotesi secondo cui la morte dell'uomo sarebbe stata causata da un'overdose di eroina. Nell'abitacolo della sua auto, accanto al corpo, è stata rinvenuta la siringa utilizzata per iniettare la sostanza.

A seguito del ritrovamento sono subito scattate le indagini dei carabinieri di Assisi e Bastia Umbra che, grazie alle indicazioni di alcuni testimoni, in poche ore si sono messi sulle tracce del giovane magrebino, bloccato in possesso di eroina in un casolare dismesso nella periferia del capoluogo perugino.

È proprio in questa struttura fatiscente che la vittima avrebbe acquistato dal giovane extracomunitario la presunta dose mortale.
Per il magrebino è subito scattato l'arresto con l'accusa di omicidio colposo, detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio e violazione delle leggi sull'immigrazione: su di lui, infatti, già pendeva un'ordinanza di espulsione dall'Italia.

La data dei funerali dell'uomo, che lascia la moglie e due bambine, non è ancora stata fissata, in attesa del completamento della procedura autoptica.






Questo è un articolo pubblicato il 02-02-2011 alle 17:46 sul giornale del 03 febbraio 2011 - 2633 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, arresto, spaccio, eroina, morte, overdose, sara caponi, petrignano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/gYd