Assisi: Mongolfiera, ''La gente in piazza insegna ai politici''

la mongolfiera 1' di lettura 15/02/2011 -

«Domenica 13 febbraio - si legge nel blog della Mongolfiera - è successo un fatto insolito: che un bel gruppo, di almeno 200 persone, si è incontrato in piazza del Comune, per parlare di diritti, libertà, dignità, rispetto, meritocrazia.



Cosette banali in una società normale, fondamenti di una democrazia garantiti dalla Costituzione. Oggi però la Costituzione è quotidianamente minacciata. Il Presidente delle Repubblica, Giorgio Napolitano, deve ogni giorno ribadire che è necessario rispettare le Istituzioni, quelle che sono a fondamento dello Stato e della Nazione Italia. Deve ribadire che il rispetto dei ruoli, la tripartizione dei poteri sono la base della convivenza civile.

Gli scandali di corte hanno diffuso la sensazione che la vicinanza al potente di turno siano la scorciatoia per ottenere successo, denaro e, magari, anche qualche scranno in Parlamento. Stava prevalendo l'idea che la donna vincente, in una società ancora discriminante, fosse quella che sa vendere meglio il proprio corpo.

Era giunto il momento dire basta, di porre un segnale di stop. Lo hanno fatto le donne, che da Palermo a Milano, da Roma a Torino sono scese in piazza. Lo hanno fatto con fermezza e senso civico, con fantasia e determinazione.

Ad Assisi tante donne e uomini del centrosinistra si sono incontrati, sono stati insieme, hanno manifestato, hanno parlato. A dimostrazione che certe divisioni albergano solo in certe sedi chiuse dei partiti. C'è una politica incapace di interpretare i sentimenti del popolo. E allora è giusto che il popolo chiuda le porte a certa politica






Questo è un articolo pubblicato il 15-02-2011 alle 04:33 sul giornale del 15 febbraio 2011 - 851 letture

In questo articolo si parla di attualità, donne, assisi, flash mob, la mongolfiera, piaza del comune

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hpv