Assisi: prima tenta lo stupro, poi fugge dai domiciliari. Arrestato calabrese

controlli dei carabinieri a cesanella 1' di lettura 27/02/2011 -

I carabinieri di Assisi hanno rintracciato in Calabria un uomo che era fuggito dagli arresti domiciliari. Il fuggiasco era finito in manette per aver tentato lo stupro di un'agente immobiliare.



La donna era stata adescata in casa dell'uomo, originario della Calabria ma residente a Perugia, con la scusa di una perizia immobiliare. L'agente, tuttavia, era riuscita a dare l'allarme e poco dopo l'uomo finiva in manette grazie all'immediato intervento dei carabinieri del radiomobile di Assisi.

Posto agli arresti domiciliari, di fronte alla prospettiva di un'assai probabile condanna, l'uomo era fuggito da Perugia per rifugiarsi nella sua terra.
Mai perso di vista dai carabinieri di Assisi, guidati dal capitano Andrea Pagliaro, l'uomo è stato rintracciato in provincia di Catanzaro e tratto di nuovo in arresto per essere trasportato al carcere di Lamezia Terme.






Questo è un articolo pubblicato il 27-02-2011 alle 23:28 sul giornale del 28 febbraio 2011 - 1126 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, stupro, arresto, fuga, assisi, sara caponi, arresti domiciliari

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/hSu