Telecomunicazioni: Assisi esclusa dai nodi primari umbri

Maria Rosi 1' di lettura 29/06/2011 -

Il consigliere del Pdl Maria Rosi critica l’esclusione di Assisi dai nodi primari previsti nel progetto regionale di Next generation network, l'evoluzione delle reti di telecomunicazione verso una tipologia di rete integrata che fornisce pacchetti di servizi utilizzando la banda larga.



“Nel quadro dello sviluppo del progetto Ngn regionale umbro, che prevede come nodi primari Perugia, Foligno, Terni, Orvieto e Città di Castello, ci risulta incomprensibile e probabilmente frutto di considerazioni di vecchia politica - sostiene Rosi - l’esclusione di Assisi, città italiana tra le più conosciute al mondo, patrimonio dell’Unesco, candidata capitale della cultura europea nel 2019, e primo polo di attrazione turistica umbro”.

“C’è da osservare inoltre - aggiunge Rosi - che vista la vicinanza con il centro fieristico espositivo Umbriafiere di Bastia Umbra, all’interno del polo industriale che formano le due cittadine umbre, nonché la vicinanza con l’aeroporto di S. Egidio, risulta ancor di più incomprensibile. Chiediamo alla presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini, quali criteri siano stati usati per l’inclusione delle predette cittadine nella Ngn umbra, al di là della distribuzione del territorio”.






Questo è un articolo pubblicato il 29-06-2011 alle 07:10 sul giornale del 29 giugno 2011 - 864 letture

In questo articolo si parla di cronaca, banda larga, assisi, telecomunicazioni, regione umbria, consiglio regionale umbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/mHE