Il Pd locale contro le scelte del Pd nazionale

Province Umbria 1' di lettura 08/07/2011 -

In relazione alla bocciatura della proposta per l’abolizione delle province, discussa a Montecitorio lo scorso cinque luglio e respinta anche grazie all’astensione del Partito Democratico, l’esponente locale Carmelo Caratozzolo, iscritto al Pd, esprime il suo totale dissenso.



«Le province doveveano essere abolite dal 1970 - 51 anni fa - in concomitanza con l’istituzione delle Regioni, poi essere accorpate e sostituite - 21 anni fa -, almeno 14, dalle aree metropolitane previste da una legge del 1990; con la manovra finanziaria dello scorso anno, infine, dovevano sparire quelle che avevano meno di 220mila abitanti.

Nel programma elettorale del 2008 di Pdl e Lega e del mio partito, il Partito Democratico, ne era prevista l’abolizione o l’accorpamento, ma con il voto di martedì si è rinviato tutto in attesa del codice delle autonomie e della discussione delle proposte parlamentari giacenti.
Il motivo non lo voglio conoscere, ma siamo di fronte ad una occasione mancata a fronte dei sacrifici che gli assisani, gli umbri e gli italiani sono chiamati nuovamente a sopportare.
È ovvio che i 17 miliardi per la loro abolizione non si risparmierebbero subito, ma entro il 2014 si sarebbero potuti risparmiare oltre 7 miliardi, che è l'equivalente dei tagli alla sanità previsti dalla attuale manovra economica. Le competenze delle province possono essere tranquillamente essere assorbite dalla Regione e dai Comuni associati.

Questo è l'arrosto della cattiva politica: abbiamo perso un’occasione, ed è per questo che ritengo necessario che la pubblica opinione locale debba sdegnarsi, non delegare ma agire, e far sentire il proprio dissenso e malessere.»






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-07-2011 alle 08:59 sul giornale del 08 luglio 2011 - 915 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, province, umbria, pd assisi, carmelo caratozzolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/m6o