Prc: ''La maggioranza contravviene alla volontà popolare''

Acqua 1' di lettura 18/07/2011 -

Il circolo assisano di Rifondazione Comunista interpreta la bocciatura della mozione sull’acqua, presentata in consiglio comunale dal capogruppo del centrosinistra Carlo Cianetti, come mancanza di interesse verso il “sì” popolare che ha vinto al recente referendum.



«Contravvenendo alla volontà popolare della maggioranza dei cittadini di Assisi che si sono recati alle urne per votare “Si” al referendum affinché l’acqua rimanesse pubblica, la maggioranza in Comune che sostiene la giunta Ricci ha votato contro la mozione presentata da Carlo Cianetti e sostenuta anche da noi di Rifondazione Comunista di Assisi per inserire nello statuto comunale un articolo in cui si preveda l’acqua pubblica come bene comune.

Questo respingimento di una mozione che poteva essere tranquillamente condivisa all’unanimità da tutto il consiglio comunale dimostra quanto questa amministrazione tenga in considerazione la volontà della propria comunità espressa con il referendum.
Su beni primari come l’acqua non è possibile né tollerabile che qualcuno faccia affari. Lo hanno capito e deciso la maggioranza degli italiani e degli assisani, che hanno votato sì al di là del colore politico di riferimento.

Questi comportamenti, nonostante siano consueti per le destre soprattutto quando sono al potere, non ci finiranno mai di meravigliare, ma ormai è certo: la destra e la giunta Ricci non hanno mai fatto e non faranno mai gli interessi della comunità






Questo è un articolo pubblicato il 18-07-2011 alle 18:57 sul giornale del 19 luglio 2011 - 698 letture

In questo articolo si parla di referendum, consiglio comunale, acqua, assisi, acqua pubblica, prc assisi, partito rifondazione comunista

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/nvA