Prc: ''Anche ad Assisi la destra tutela solo i ceti benestanti''

Partito della Rifondazione Comunista 1' di lettura 23/07/2011 -

Anche il circolo assisano di Rifondazione Comunista chiede spiegazioni in merito alla riduzione dei dirigenti del Comune denunciata dai sindacati e del presunto contemporaneo aumento dello stipendio elargito, che si scontra con il congelamento degli stipendi ai dipendenti pubblici.



«Chiediamo spiegazioni all’amministrazione comunale in merito alla denuncia fatta dai sindacati sulla questione dei dirigenti del Comune di Assisi.
Se risulta essere vero che essi sono passati da 5 a 4 in base alla normativa nazionale istituita con la legge finanziaria, sembra anche corrispondere a verità che la quinta carica sia stata de facto mantenuta con la dicitura di interim con un conseguente aumento di stipendio.

Tutto ciò in contemporanea con il congelamento degli stipendi dei dipendenti pubblici che rappresentano una parte di quel ceto medio che, insieme ai lavoratori, sono gli unici colpiti dalla aberrante manovra finanziaria varata senza la minima opposizione dei partiti parlamentari di minoranza.
La strategia della destra è confermata come sempre anche ad Assisi: tutela dei ceti benestanti, calci in bocca a tutti gli altri.»






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 23-07-2011 alle 10:35 sul giornale del 23 luglio 2011 - 808 letture

In questo articolo si parla di lavoro, assisi, comune di assisi, prc assisi, partito rifondazione comunista

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/nG7