Pettirossi: ''Quarantamila euro per rinnovare le poltrone''

Simone Pettirossi 2' di lettura 16/09/2011 -

Sul nuovo look della sala della conciliazione nel palazzo municipale interviene il capogruppo del Partito Democratico, Simone Pettirossi, che punta il dito contro le nuove poltroncine poste a rimpiazzo delle grandi sedie di legno: per Pettirossi, che parla anche di costi legali e checkpoint, si tratta di una spesa “alquanto discutibile”.



«Appare sconcertante - scrive Pettirossi - che di fronte ai tagli di trasferimenti agli enti locali, attuati dal governo Berlusconi, il sindaco e la giunta, invece di protestare (come molti sindaci italiani) e dare segnali di sobrietà, usino i soldi pubblici per spese alquanto discutibili.

Era proprio necessario spendere circa quarantamila euro per comprare delle poltroncine nuove (di colore salmone peraltro) per la sala della conciliazione? Non andavano bene le "storiche" sedie lignee che da sempre caratterizzavano la sala?

Dall'altro lato, è giusto che le opposizioni si paghino, di tasca loro, il ricorso al Tar, avanzato per ottenere il rispetto della Costituzione e dello Statuto comunale, mentre il sindaco e la giunta incarichino un legale di fiducia che verrà pagato con i soldi di tutti i cittadini di Assisi???

Il fatto che si vociferi, poi, della tassa di soggiorno è il segno che i tempi delle vacche allegre è finito, ma anche su questo versante, c'è bisogno di chiarezza.
Quando venne introdotto il check-point, a cui le opposizioni erano contrarie, era stato detto che sarebbe servito per finanziare promozione, eventi di alta qualità, iniziative turstiche. Di fatto, invece, il balzello è servito come entrata corrente che va a finire nel calderone e viene usato per qualsiasi genere di spesa.
C'è bisogno di pianificare attentamente le spese, fare scelte oculate, evitare gli sprechi, se si vogliono chiedere soldi a cittadini o turisti, già provati dalla crisi, dalla forte incertezza per il futuro, dall'aumento della pressione fiscale.»


Foto di testata:
il consigliere Simone Pettirossi. Sotto il nuovo arredo in sala della conciliazione.


da Simone Pettirossi
Capogruppo consiliare Pd Assisi






Questo è un articolo pubblicato il 16-09-2011 alle 17:59 sul giornale del 17 settembre 2011 - 908 letture

In questo articolo si parla di partito democratico, assisi, arredo, simone pettirossi, pd assisi, sala della conciliazione, soldi pubblici

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ppN


Le sedie in legno erano una caratteristica della sala medioevale creando un senso di austerità e di importanza per chi vi prendeva posto.
Vedendo la foto con quelle poltroncine color salmone si è banalizzato tutto l'ambiente .
Perchè questa idea ? Forse sarebbero bastati qualche cuscino in stile francescano.