Ricci replica al Prc: ''Accuse di misoginia infondate''

Claudio Ricci 11/10/2011 -

Replicando all’ultimo comunicato stampa del circolo di Rifondazione comunista, rivolto al “misogio Ricci”, il sindaco replica tornando ancora una volta sul tema quote rosa, spiegando come, dal suo punto di vista, il ruolo della donna sia valorizzato all’interno del Comune di Assisi.



«Il Partito della rifondazione comunista invece di proporre idee e progetti per Assisi continua solo ad attaccare il sindaco, anche in maniera ironica.

Sul Giro d’Italia ad Assisi, se sarà confermato, non c’è molto da scherzare in quanto porterà ad Assisi un indotto di oltre 1500 camere vedute, oltre 100.000 persone di pubblico, 5 ore di diretta televisiva e un indotto sportivo e turistico di grande importanza per l’economia locale.

Per quanto attiene alle quote rosa, visto che è l’unico argomento a cui si aggrappano, se frequentassero il Comune di Assisi vedrebbero che tutte le persone di staff del sindaco e le principali collaboratrici sono donne, incluse molte cariche apicali dirigenziali e amministrative: sono quindi totalmente fuori luogo e smentite dai fatti le affermazioni sul tema della discriminazione delle donne fatte al sindaco Claudio Ricci.

I cittadini credo che abbiano ormai capito chi cerca di lavorare per il territorio e chi, invece, sa solo fare polemiche strumentali e inutili.»


da Claudio Ricci
Sindaco del Comune di Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 11-10-2011 alle 13:51 sul giornale del 12 ottobre 2011 - 606 letture

In questo articolo si parla di donne, politica, quote rosa, assisi, claudio ricci, prc assisi, partito rifondazione comunista

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/qgK