Travicelli: ''Palestina membro Unesco, vittoria della libertà''

Palestina 1' di lettura 02/11/2011 -

«Esprimiamo grande soddisfazione - scrive in una nota Claudia Travicelli, consigliere indipendente e presidente della terza commissione - per l’inserimento della Palestina quale stato membro dell’Unesco, un riconoscimento della comunità internazionale verso la completa autonomia dello stato palestinese.



L'ammissione della Palestina all'Unesco è sicuramente una grande vittoria del diritto, della giustizia e della libertà. Infatti, la conferenza generale dell'Unesco ha votato a favore dell'adesione della Palestina come membro a pieno titolo dell'organismo Onu. L'Italia si è astenuta dal voto: 107 Stati si sono espressi a favore dell'adesione, 52 tra cui appunto l'Italia si sono astenuti, e 14 hanno detto no. Gli Usa, la Germania e Israele sono tra quelli che hanno detto no, mentre è giunto il sì di Paesi come la Francia, il Belgio, la Spagna, l'Austria e la Russia.
Ci meravigliamo per la posizione ignava del Governo italiano, che si è astenuto, come aveva già fatto il 5 ottobre nel primo voto favorevole alla Palestina, a differenza della Francia e di tanti altri paesi del mondo. Dovremo lavorare, affinché la Basilica della Natività, luogo dove nacque Gesù, insieme ad altri luoghi Sacri, possano essere candidati quali siti patrimonio mondiale dell’umanità. Esprimo anche la mia gioia, come cattolica e come amministratrice di Assisi, città della pace gemellata con Betlemme.»


Foto di testata:
un ragazzo sventola la bandiera della Palestina


da Claudia Travicelli
Consigliere comunale indipendente




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 02-11-2011 alle 02:46 sul giornale del 02 novembre 2011 - 557 letture

In questo articolo si parla di attualità, unesco, palestina, israele, assisi, claudia travicelli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/q7l