Anche ad Assisi anagrafe in strada con la postazione Isotta

Anagrafe in strada 15/11/2011 -

Il Comune di Assisi (Assessore Lunghi e Mignani, con il Presidente della terza Commissione consiliare Claudia Travicelli), nel pomeriggio di sabato si sono uniti a Santa Maria degli Angeli all’Enpa, Asl Umbria e Regione nel progetto “Anagrafe in strada”.



Presso la postazione Isotta (l’ambulanza veterinaria dell’ente nazionale protezione animale, che nella mattinata di sabato era stata a Bastia Umbra) si potevano recare chiunque possedeva un cane che fosse ancora sprovvisto di microchip di riconoscimento.
Grazie alla collaborazione delle tre Istituzioni (Enpa, Asl Umbria e Regione dell’Umbria), l’inserimento del microchip al cane ha un costo di solo 2 euro.

“La sensibilità, la cultura ed il rispetto per gli animali - ha affermato Mignani - è fondamentale per il Comune di Assisi, questa tematica ci è particolarmente a cuore, questa iniziativa a cui noi abbiamo aderito convintamente, vuole essere un piccolo gesto, dei tanti che abbiamo in previsione”.
Insieme a Lunghi, inoltre, si è anche parlato del canile comprensoriale, con ipotesi di riqualificazione di quella zona, per rendere sempre più gradevole quella zona, nello spirito di accogliensa di San Francesco.

“Graditissima - ha aggiunto Travicelli - la presenza della postazione “Isotta”, anche in questa occasione vorrei esprimere il mio pensiero, che credo essere quello di molti: L'Enpa ha denunciato per istigazione a delinquere il consigliere provinciale di Perugia, Giancarlo Carocci (Umbria Tricolore) in seguito alla sua proposta di sopprimere, legalmente, tramite eutanasia, i cani invece di abbandonarli, evitando così che finiscano nei canili, con un risparmio economico da parte dei Comuni.
Secondo il consigliere, che ha dichiarato pubblicamente di non conoscere la normativa italiana in materia di animali e randagismo, il provvedimento permetterebbe di portare a soluzione situazioni di grave emergenza. Devi cambiare casa e Fido ti crea qualche problema con il trasloco? Ammazzalo''. Giancarlo Carocci ha un incarico istituzionale, ciò presuppone che egli sia aggiornato sulle normative del nostro Paese.

L'Ente nazionale protezione animali ha comunicato di avere dato mandato al proprio legale di denunciare per istigazione a delinquere il consigliere provinciale.
Sono sconcertata e provo vergogna per queste dichiarazioni a dir poco intolleranti ed incomprensibili, afferma il Consigliere Comunale Claudia Maria Travicelli nel riscontrare come un essere umano sia capace di tali inaudite affermazioni. Si scusi seriamente con tutti.


Foto di testata:
Claudia Travicelli e Francesco Mignani insieme ai veterinari della Asl 2 Tiziana Pagliacci e Roberto Bigarini.
Sotto, la postazione mobile “Isotta”


da Claudia Travicelli
Presidente III commissione consiliare






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 15-11-2011 alle 01:48 sul giornale del 15 novembre 2011 - 2248 letture

In questo articolo si parla di animali, attualità, assisi, claudia travicelli, microchip, anagrafe in strada

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rFu