Bastia: rischio idrogeologico sul Chiascio, interviene il sindaco

Stefano Ansideri 1' di lettura 22/11/2011 -

La prevenzione non solo è utile ad evitare possibili disastri alluvionali, ma offre anche un contributo importante alla tutela dell’ambiente. Con questa convinzione il Sindaco di Bastia Umbra Stefano Ansideri si è fatto parte diligente nel segnalare alla Provincia di Perugia, che ha la competenza della gestione dei corsi d’acqua, situazioni di pericolo lungo l’alveo del fiume Chiascio, che attraversa il territorio comunale da nord a sud.



Di particolare attenzione e pericolo è la situazione creatasi a ridosso dello storico ponte di Bastiola dove stazionano rami, addirittura alberi e altri detriti che si sono cumulati nel corso dei mesi sotto le arcate dell’antico ponte, rappresentando un grave pericolo in caso di piena del fiume.
Ansideri aveva compiuto un analogo intervento nel luglio 2009, subito dopo il suo insediamento riuscendo ad ottenere un rapido intervento dei tecnici della Provincia.
In quest’ultimo caso, che è stato segnalato al Sindaco anche da alcuni residenti nell’area, i responsabili dell’Amministrazione provinciale hanno assicurato una risposta concreta quanto prima, nonostante le attuali difficoltà finanziarie che costringono l’Ente ad aggiornare continuamente le priorità.


Foto di testata:
il sindaco di Bastia Umbra Stefano Ansideri






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-11-2011 alle 11:16 sul giornale del 22 novembre 2011 - 647 letture

In questo articolo si parla di cronaca, stefano ansideri, bastia umbra, comune di bastia umbra, fiume chiascio, rischio idrogeologico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/rXU