Bastia: ventotto chili di marijuana occultati in garage. Arrestati

Polizia 1' di lettura 05/12/2011 -

Due arresti e un maxisequestro di marijuana: centosessanta chili per un valore che si aggira attorno al milione e mezzo di euro. È questo il bilancio di un’operazione condotta dalla sezione antidroga della squadra mobile di Perugia che si è sviluppata tra Umbria e Veneto.



A finire in manette un albanese di 27 anni e un italiano di 32, il primo residente a Santa Maria degli Angeli e l’altro a Pistoia.
Secondo quanto si apprende, il giovane albanese da giorni era tenuto sotto stretta osservazione nell’ambito di una capillare attività di indagine volta al contrasto dello spaccio di stupefacenti nel territorio. Nel pomeriggio di venerdì scorso, 2 dicembre, in compagnia del pistoiese e con l’ausilio del furgone di quest’ultimo, l’albanese ha depositato uno scatolone con quasi trenta chili di erba in un garage di Bastia Umbra.
I due sono stati immediatamente bloccati e arrestati per detenzione di sostanze stupefacenti.
Dagli accertamenti sul navigatore satellitare situato sul furgone gli agenti hanno potuto indivuare il resto del “carico”, sequestrato in un capannone industriale situato in Veneto, a San Donà di Piave, per un totale di 137 chili.

L’operazione è stata coordinata dalla squadra mobile della questura di Perugia diretta da Marco Chiacchiera in collaborazione con la polizia del commissariato di Jesolo.






Questo è un articolo pubblicato il 05-12-2011 alle 12:53 sul giornale del 06 dicembre 2011 - 797 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia, droga, arresto, marijuana, perugia, Raffaele Aristei, bastia umbra

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/syq