Bastia: biogas, al teatro Esperia il convegno del comitato popolare

Biogas Bastia Umbra 4' di lettura 25/02/2012 - Si terrà nella mattinata di domenica, a partire dalle 9.30, il “Convegno sul biogas alimentato a biomasse” organizzato dal comitato popolare di Costano. Il convegno, che si svolgerà presso il teatro Esperia, vedrà la partecipazione di numerosi esperti e prevede un dibattito aperto con i presenti sulla tematica.

Tra gli interventi previsti ci sono quelli del prof. Michele Corti dell'università di Milano, del dott. Luigi Gasparini dell'Associazione Medici per l'Ambiente, del dott. Roberto Pellegrino dell'università di Perugia, dell'avv. Marzia Calzoni del Comitato "Territorio e Vita" onlus e del magistrato bolognese Enzo Roi. Sono invitati tutti i comitati umbri e nazionali che si battono contro gli impianti a biomasse.

«La lotta del Comitato per la difesa dell'ambiente di Costano - spiega in una nota Luigino Ciotti, presidente del circolo culturale Primomaggio - nasce dalla presentazione fatta il 27 dicembre 2011 dall'Amministrazione Comunale di Bastia Umbra, di centrodestra e sindaco UDC, di un progetto della società Bastia Bioenergia Srl, con sede legale a Bologna, di costruzione di un impianto da 1 mw, nella frazione di Costano, per la produzione di energia elettrica proveniente da biomasse. Si utilizzeranno insilati di mais, sorgo e triticale per la produzione di biogas.
Il tutto necessiterà di una superficie di circa 300 ettari per l’approvvigionamento (considerati 2 raccolti all’anno per 15.000 tonnellate annue). Sono stati promessi 10 posti di lavoro di cui 2 fissi all’interno dell’impianto per la durata di 15 anni perchè poi sarebbe dismesso lasciando questo piccolo mostro in loco.
I cittadini di Costano, al di là delle appartenenze politiche, si sono schierati compattamente contro questa scelta ed oltre a 2 assemblee pubbliche ed altre iniziative hanno organizzato una raccolta di firme che è già arrivata a circa 1000 adesioni che equivalgono sostanzialmente agli abitanti del paese. Si è così rivelato falso l'argomento utilizzato dal centrodestra che la mobilitazione dei cittadini è nata per la spinta delle forze di sinistra che hanno espresso tutte la loro contarietà all'impianto dal Pd al PRC, da Sel a Sinistra Critica.
In realtà la decisa e compatta (e molto qualificata ed argomentata) lotta nasce dalla storia stessa di questo territorio che per decenni ha visto il proliferare di molti allevamenti di suini (per decine di migliaia di capi) che hanno prodotto inquinamento delle falde acquifere, sversamenti continui dei reflui sul fiume Chiascio con molte morie dei pesci e soprattutto la puzza insopportabile che ha anche impedito lo sviluppo del paese danneggiando l'economia locale.
A seguito di un'indagine giudiziaria e la chiusura del biodigestore di Bettona, comune limitrofo, dove finivano i reflui gli allevamenti sono stati chiusi e l'ambiguità e la lettura della documentazione del progetto lascia pensare che nell'impianto che si vuole costruire possano essere utilizzati anche liquami degli allevamenti dei suini, rilanciando quel tipo di attività quando la loro chiusura attuale ha invece permesso un rapido sviluppo del paese con molte nuove famiglie che sono venite ad abitare a Costano privo ormai delle problematiche precedenti.
Dall'altro canto oltre ai solidi argomenti dei costanesi, impianto previsto in area agricola di pregio e con falde acquifere di superficie, attività agrituristiche limitrofe che sarebbero fortemente danneggiate ecc... è arrivato il sostegno dell'Amministrazione Comunale di Assisi, anche'essa di centrodestra, che ha espresso il suo parere contrario all'insediamento perchè quel territorio è confinante con il comune di Assisi, e il paese di Tordandrea è più vicino di Costano e quindi ricade nell'area paesistica salvaguardata dall'Unesco come patrimonio mondiale dell'Umanità.
Insomma ci sono molti validi argomenti per dire un no non solo ideologico, ma basato su solide motivazioni concrete e di interesse collettivo e per saperne di più perchè non partecipare all'assemblea di domenica 24? Certo è che una eventuale vittoria (e ci sono tutti i presupposti) a Costano rafforzerebbe tutti quei comitati e cittadini che lottano contro gli impianti a biomasse e la salvaguardia dell'ambiente e del territorio.»

In allegato il volantino dell’iniziativa







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-02-2012 alle 03:40 sul giornale del 25 febbraio 2012 - 967 letture

In questo articolo si parla di ambiente, attualità, convegno, biogas, bastia umbra, circolo culturale primomaggio

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vH2