Imposta Imu, Bartolini: ''Il Comune ha voluto tassare le nostre case''

Giorgio Bartolini 1' di lettura 25/02/2012 - «Per la prima volta dopo parecchi mesi di dichiarazioni “Non aumenteremo le tasse in Assisi”, Ricci e i partiti che lo sostengono, ammettono di averle aumentate, attribuendo però la colpa al governo che avrebbe incrementato le rendite catastali degli immobili.

È appena il caso di ricordare quanto già detto, in quanto, se avessero voluto non prelevare maggiori soldi dalle tasche dei cittadini (+ 1.300.000 €), pari ad un aumento del 26%, avrebbero potuto ridurre l’aliquota base di tassazione, come reso possibile dalla legge.

La verità è che questa amministrazione ha voluto tassare la casa e gli immobili degli imprenditori tutti. Certamente i revisori dei conti hanno approvato tale aumento, perché è un atto legittimo, ma inopportuno.

Sul fatto che siano rimaste invariate le tariffe di trasporto scolastico, mense, ecc., addizionale irpef, va ricordato che questa è una costante nel comune di Assisi fin dal 1997, quando Ricci non era amministratore. Un eventuale aumento di quest’ultime, nell’attuale periodo di crisi, sarebbe stata un’azione sciagurata.»


da Giorgio Bartolini
Gruppo consiliare Lista Bartolini





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-02-2012 alle 19:15 sul giornale del 27 febbraio 2012 - 720 letture

In questo articolo si parla di economia, tasse, bilancio, ici, assisi, claudio ricci, giorgio bartolini, imu, imposte comunali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vIr