Scuola e lavoro: voce ai giovani studenti

Giovani 3' di lettura 25/02/2012 - Lunedì 27 febbraio 2012, alle ore 10.15, presso l’Aula Magna dell’Istituto di Istruzione Superiore Marco Polo di Santa Maria Degli Angeli, si terrà un incontro sul tema “Giovani, scuola, lavoro – insieme protagonisti”. L’iniziativa è stata promossa dal Progetto Policoro della Diocesi di Assisi e dall’Istituto Marco Polo, con l’obiettivo di dare voce ai ragazzi.

L’ascolto dei giovani è iniziato proponendo loro un questionario anonimo: 180 studenti si sono descritti e ci hanno offerto la loro visione di sé, del lavoro, della realtà e del futuro. Nella giornata di lunedì, che sarà moderata dal Prof. Carlo Menichini, Dirigente del “Marco Polo”, verranno presentati i risultati dell’indagine alla presenza del Sindaco di Assisi Ing. Claudio Ricci, dell’Assessore alla Provincia di Perugia Donatella Porzi, del Vescovo di Assisi Mons. Domenico Sorrentino, dall’Ing. Valter Baldaccini, Amministratore delegato dell’Umbra Cuscinetti s.p.a., e della dott.ssa Valentina Di Maggio. L’analisi dei dati è stata curata dal Prof. Sandro Elisei, docente di Psichiatria presso l’Università degli Studi di Perugia.

L’iniziativa è assolutamente innovativa in quanto le istituzioni, Scuola, Comune, Chiesa e Impresa, saranno invitate ad ascoltare la voce dei ragazzi e a dare direttamente delle risposte alle loro domande. Si tratta di una vera inversione di metodo. Negli ultimi tempi, infatti, si parla sempre con più insistenza dell’“emergenza giovani”. Si moltiplicano incontri in ogni ambiente, da quello culturale a quello politico, sul tema della nuova generazione. Parliamo di giovani, senza parlare con i giovani. Ci erigiamo ad interpreti dei lori bisogni, dei loro limiti, dei loro desideri. Abbiamo la presunzione di voler costruire il futuro dei giovani, senza lasciare loro alcuno spazio.
Don Mario Operti, ideatore del Progetto Policoro - progetto organico della Chiesa Italiana per affrontare il problema della disoccupazione giovanile e dell’evangelizzazione dei giovani – afferma che non è possibile l’incontro con le nuove generazioni senza essere capaci di “cogliere il nuovo che c’è all’orizzonte”, la novità che sorge nella vita, al di là delle nostre analisi e delle nostre riflessioni. Forte di questo messaggio, il Progetto Policoro della Diocesi di Assisi si è messo alla ricerca di un valido interlocutore per creare una piattaforma di ascolto della nuova generazione. È nata così la collaborazione con l’Istituto di Istruzione Superiore Marco Polo di Assisi, una Scuola protesa a preparare giovani consapevoli delle sfide lavorative. I risultati dell’indagine sono sbalorditivi: i ragazzi ci dicono chiaramente che la loro voglia di lavoro e di autonomia, non coincide con un esasperato egoismo e con l’esclusione dell’altro. I nostri ragazzi ci chiedono maggiori occasioni di incontro e di confronto, di avere la possibilità di creare un “sentire” comune: “so-stare” insieme come condizione necessaria alla realizzazione del singolo.

I giovani invitano tutti noi ad ascoltarli, a sostenere il loro desiderio di essere protagonisti nel progettare il futuro e ci svelano una “semplice” verità: lo stile di una collettività può essere modificato.

L’incontro di lunedì rappresenta solo l’inizio di un cammino in cui tutte le Istituzioni sono chiamate a procedere insieme in una linea di servizio, intercettando le vere attese della nuova generazione.


dalla Diocesi
Assisi, Nocera Umbra, Gualdo Tadino




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 25-02-2012 alle 03:17 sul giornale del 27 febbraio 2012 - 657 letture

In questo articolo si parla di attualità, giovani, assisi, comune di assisi, diocesi di assisi nocera umbra gualdo tadino, istituto marco polo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/vHX