Ospedale di Assisi, punto nascita verso la chiusura

Ospedale di Assisi 1' di lettura 08/03/2012 - Punto nascita a rischio per l’ospedale di Assisi. Secondo quanto si apprende dalle colonne del Corriere dell’Umbria, “degli undici punti nascita operativi in Umbria, ne resteranno attivi sette. Quattro chiuderanno i battenti”, e Assisi e Narni potrebbero essere i primi.

Il quotidiano riporta la circostanza con il dovuto beneficio del dubbio, precisando tuttavia che “la fonte è più che autorevole”. La notizia non dovrebbe cogliere nessuno di sorpresa, alla luce dei fiumi di inchiostro spesi sull’argomento a causa del mancato rinnovo del primariato di ostetricia, vacante ormai da troppo tempo.
Fra le motivazioni addotte non solo il basso numero di nascite (al di sotto di cinquecento all’anno), ma anche la presenza di poli di eccellenza nelle vicinanze (Foligno e Perugia).

La chiusura del punto nascita potrebbe costituire il primo passo concreto verso un ridimensionamento della struttura, circostanza contro la quale la politica si è spesa senza riserve con presidi, manifestazioni, consigli comunali, in maniera assolutamente trasversale e unitaria, al fine di difendere il prestigio del nosocomio assisano, che presto potrebbe subire un duro colpo proprio al reparto che negli anni lo ha più caratterizzato e distinto nell’intero panorama regionale.

Foto di testata:
l’ospedale di Assisi






Questo è un articolo pubblicato il 08-03-2012 alle 02:58 sul giornale del 08 marzo 2012 - 1472 letture

In questo articolo si parla di attualità, ospedale, assisi, sara caponi, punto nascita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/wcZ