Bastia: tutti d'accordo sul 'no' all'Imu bis

Soldi 1' di lettura 03/06/2012 - La mozione presentata dal Capogruppo del PDL Jacopo Cairoli e dal consigliere comunale Stefano Santoni per non introdurre la nuova tassa di scopo (detta anche “IMU bis”) creata dal Governo Tecnico Monti, è stata approvata all'unanimità nell’ultimo Consiglio Comunale.

Il Popolo della Libertà ha riaffermato con forza le caratteristiche principali dell’attuale amministrazione comunale: non creare nuove tasse e non aumentare quelle che già esistenti, riducendo le aliquote al minimo. Così come è stato deciso per l’IMU (Imposta Municipale Unica sugli immobili), istituita dal Governo Tecnico Monti. Per Cairoli e Santoni in questo momento di grave difficoltà economica ai cittadini bastioli vanno risparmiate altre tasse e vanno aumentate le soglie di esenzione ai cittadini più deboli. Qualche mese fa, infatti, hanno proposto al Sindaco e alla Giunta, che l’hanno subito accolto, l’aumento della soglia di esenzione riguardo l’Addizionale Irpef: trecento bastioli non la pagheranno più. Cairoli e Santoni sottolineano che per il terzo anno consecutivo la Tarsu, la tassa sui rifiuti, è rimasta invariata nonostante il notevole aumento dei costi per il servizio di smaltimento.


da Jacopo Cairoli e Stefano Santoni
Pdl Bastia Umbra





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-06-2012 alle 18:41 sul giornale del 04 giugno 2012 - 597 letture

In questo articolo si parla di consiglio comunale, tasse, politica, soldi, popolo della libertà, bastia umbra, pdl bastia umbra, jacopo cairoli, imposte, stefano santoni, imu bis

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/zUs