Sicurezza sul lavoro, Bersani: ''C'è ancora molto da fare''

Pierluigi Bersani 3' di lettura 29/06/2012 - In occasione della prima Marcia nazionale per la sicurezza sul lavoro che l'Associazione Nazionale fra Lavoratori Mutilati e Invalidi del Lavoro ha organizzato per sabato 30 giugno ad Assisi, il segretario nazionale del Partito democratico Pier Luigi Bersani ha inviato un messaggio al presidente nazionale dell'Anmil Franco Bettoni.

“Il Partito Democratico - si legge nel messaggio - considera la tutela della salute e della sicurezza sul lavoro un diritto fondamentale dei lavoratori e la misura della sua concreta realizzazione certifica il livello di avanzamento sociale e civile di un paese.

Da questo punto di vista dobbiamo riconoscere - aggiunge Bersani - che anche in Italia molto resta da fare: sebbene i dati ufficiali mostrino, negli ultimi anni, una tendenza costante alla diminuzione dei numeri assoluti, anche in ragione della forte riduzione delle ore lavorate, il fenomeno delle morti, degli infortuni e delle malattie causate dal lavoro permane gravissimo.

E' quindi necessario - afferma ancora Bersani nella lettera - andare oltre la pur doverosa azione di denuncia dello stillicidio delle morti e degli infortuni sul lavoro per dar vita ad una rinnovata strategia di tutela della salute e della sicurezza. Una strategia fondata, allo stesso tempo e in egual misura, sulla puntuale applicazione delle normative, dei controlli e delle sanzioni e sulla promozione di una forte e diffusa cultura e pratica della prevenzione, nella convinzione che questa strategia sia parte integrante della valorizzazione del capitale umano che e', insieme, esigenza inderogabile della nostra civilta' del lavoro e fattore di competitivita' per le imprese.

Gli interventi della magistratura - sottolinea Bersani - e le rare anche se esemplari sentenze di condanna, come quelle della Thyssen e dell'Eternit rappresentano certo atti di giustizia, di individuazione delle responsabilita' e di risarcimento, ma da soli non bastano a determinare un'efficace politica di prevenzione. Questa resta fondamentalmente legata alla capacita' all'interno delle imprese di realizzare un'adeguata organizzazione della valutazione dei rischi e di protezione dei lavoratori e, all'esterno, sul territorio, alla possibilita' di disporre di una rete efficacia e coordinata di servizi di vigilanza e di prevenzione.

Lungo queste linee - ricorda Bersani - si muovono le proposte formulate dal PD in un suo documento del novembre scorso frutto del lavoro di un gruppo di esperti e di rappresentanti delle parti sociali. In sintesi si tratta di: dare piena attuazione al decreto legislativo 81 del 2008 per razionalizzare l'organizzazione pubblica, nazionale e territoriale, preposta alla definizione delle norme, agli indirizzi operativi, alla promozione ed alla vigilanza per dare effettivita' alle azioni di prevenzione; sostenere le imprese, in particolare le piccole e medie, nelle loro esigenze di innovazione e ammodernamento produttivo e di qualita' del lavoro, evitando che salute e sicurezza dei lavoratori continuino ad essere considerati dei costi comprimibili in nome della concorrenza, combattendo quindi le pratiche del massimo ribasso negli appalti e tutte le forme di lavoro sommerso e di imprenditorialita' illegale; realizzare un maggior coinvolgimento dei lavoratori attraverso l'informazione e la formazione sulla prevenzione dei rischi a cui sono esposti in azienda, anche rafforzando il ruolo dei rappresentanti per la sicurezza,per renderli protagonisti della cultura e delle pratiche di prevenzione.

Su questi temi - conclude Bersani - che formano parte integrante dell'azione politica e parlamentare del Pd per la difesa dei diritti dei lavoratori, per la piena e migliore occupazione, mi auguro, caro Presidente, di poter sviluppare anche con l'Anmil un proficuo confronto”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-06-2012 alle 14:30 sul giornale del 30 giugno 2012 - 682 letture

In questo articolo si parla di lavoro, partito democratico, sicurezza sul lavoro, pierluigi bersani, assisi, Anmil

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/AYv