Punto nascita, Buini: ''La stampa scoraggia partorienti e personale''

Patrizia Buini 2' di lettura 06/07/2012 - Le recenti, continue notizie pubblicate sulla stampa circa l'ipotetica ed imminente chiusura del punto nascita dell'ospedale di Assisi, non fanno altro che creare confusione in tutta quella utenza che per tanti anni ha usufruito, con piena soddisfazione, dei servizi di alta qualita' erogati dai reparti di ostetricia/ ginecologia e pediatria.

L'assistenza offerta alle donne che scelgono di partorire ad Assisi, rispetta al massimo la naturalita' della nascita con un'attenzione particolare alle esigenze delle donne in termini di rispetto della propria integrita' fisica, riservatezza, tranquillita' ed intimita' per la partoriente ed il suo neonato in un contesto di ineguagliabile tradizione storica e bellezza.

E' di tutta evidenza infatti, che, qualunque donna che legga sui giornali che il reparto al quale intende rivolgersi ed affidarsi sarebbe in fase di chiusura sara' indotta a recarsi presso un altro presidio ospedaliero.
Inoltre l'ipotetica chiusura procura un forte dispiacere e sconcerto, unito ad un sentimento di demotivazione in tutti gli operatori che vi lavorano. Si tiene a ribadire che tutti i servizi offerti alla popolazione dal punto nascita di Assisi sono perfettamente attivi, funzionanti e qualitativamente ed economicamente efficaci.

Qualitativamente efficienti perche' rispettano al massimo la naturalita' della nascita con un'attenzione particolare sia alla partoriente (rapporto partoriente/ostetrica che consente una"umanizzazione del parto") che al neonato (all'ospedale di Assisi viene sempre praticato il contatto "pelle a pelle" tra la mamma ed il suo bambino, inoltre le mamme possono tenere ed accudire in stanza il bambino 24 ore su 24).

Economicamente, l'ospedale di Assisi e' il più' efficiente dell'intera regione Umbria perche' ha la percentuale più' bassa di tagli cesarei (20,6%) di tutti i punti nascita dell'Umbria (media regionale 30,03%) e significativamente si trova al primo posto rispetto alla graduatoria nazionale riguardante le regioni italiane.
Pertanto, per quanto attiene al costo unitario dei servizi, Assisi presenta il dato minimo ed e' anche dal punto di vista economico, il più efficiente dell'intera regione Umbria.


da Patrizia Buini
Presidente consiglio comunale Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-07-2012 alle 16:51 sul giornale del 07 luglio 2012 - 2674 letture

In questo articolo si parla di attualità, ospedale, assisi, patrizia buini, punto nascita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Bim