Bastiola: stoccava illegalmente batterie al piombo, denunciata slovacca

Carabinieri 1' di lettura 26/07/2012 - Sono oltre una ventina le batterie al piombo rinvenute dai carabinieri di Assisi e dal Noe (Nucleo operativo ecologico) di Perugia nel corso di un controllo in una zona sospetta a Bastiola, frazione di Bastia Umbra. Responsabile dell’attività illecita di stoccaggio una donna slovacca, denunciata per gestione di rifiuti speciali pericolosi non autorizzata.

Le batterie, altamente inquinanti, si trovavano su un autocarro parcheggiato su una strada pubblica. I controlli effettuati dall’Arma hanno interessato alcune abitazioni di Bastiola gravate dal sospetto di una probabile attività illegale di stoccaggio di rifiuti pericolosi.

Tale attività, irregolare e illecita, generava un alto rischio di inquinamento data la presenza di batterie al piombo, con un notevole rischio di contaminazione ambientale.
La donna, una 28enne di origini slovacche, peraltro già nota alle forze dell’ordine, è stata denunciata. La donna dovrà inoltre rispondere anche di violazioni per occupazione abusiva di suolo pubblico, relativamente alle quali i militari hanno informato la polizia municipale.






Questo è un articolo pubblicato il 26-07-2012 alle 19:45 sul giornale del 27 luglio 2012 - 826 letture

In questo articolo si parla di cronaca, carabinieri, batterie al piombo, Raffaele Aristei, nucleo operativo ecologico, bastia umbra, bastiola, stoccaggio illecito

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/B9c