Adotta un affresco per salvare Giotto e Cimabue

basilica san francesco assisi 3' di lettura 02/10/2012 - Dal 1 al 21 ottobre tutte le 83 agenzie UniCredit dell’Umbria, affiancate da quelle di Toscana, Marche e Friuli si attiveranno per una raccolta fondi finalizzata a sostenere la campagna di restauro e manutenzione del patrimonio artistico conservato nella Basilica di San Francesco d'Assisi.

Nello specifico le somme raccolte saranno impiegate per intervenire su due opere simbolo del Sacro Convento di Assisi e del mondo intero: la Maestà di Cimabue, databile intorno al 1278-80, che riporta la rappresentazione più antica del Santo ad oggi conosciuta, e l’Annunciazione di Giotto che è una delle opere cardine del rinnovamento artistico avviatosi alla fine del XIII secolo. Il restauro prevede anche la manutenzione dell’intero transetto dove sono collocate le opere, attuando un’operazione di pulizia e consolidamento degli intonaci. Aderire a questa campagna è simbolo di grande sensibilità, non solo per il nostro passato, ma soprattutto per il nostro futuro e la nostra identità.
Grazie alla sinergia tra la Direzione Network Famiglie e Piccole Imprese di Toscana, Umbria, Marche, la Divisione UniCredit “Universo Non Profit” e la Fondazione per la Basilica di San Francesco di Assisi Onlus si è potuto allestire un progetto di grande respiro che coinvolge le agenzie UniCredit, la rete di dipendenti UniCredit “amici del no profit”, i clienti della banca e più in generale i devoti di San Francesco.
"L'arte è un bene di tutti non abbandoniamola - dichiara il Custode del Sacro Convento di Assisi, padre Giuseppe Piemontese - è importante per le future generazioni salvaguardare gli affreschi della Basilica di San Francesco. Con una piccola donazione sarà possibile aiutare a conservare la Maestà di Cimabue e l'Annunciazione di Giotto e continuare a leggere un libro carico di immagini evocative che potranno arricchire il cuore di tanti".
"L’idea della raccolta fondi - dichiara Luciano Bacoccoli, Responsabile dell’Area Commerciale Perugia di UniCredit. - nasce grazie alla collaborazione più che decennale che abbiamo con il Sacro Convento di Assisi che ci ha permesso di prendere coscienza in prima persona delle enormi necessità finanziarie ed operative legate al mantenimento di uno dei simboli principali della cristianità e della cultura. L’obiettivo finale di questa iniziativa è molto ambizioso ma, al di la della somma che riusciremo a raccogliere, ci permetterà anche di diffondere la cultura del non profit e del volontariato tra i colleghi di UniCredit e, tramite loro, ai nostri clienti”.

COME DONARE
In termini operativi la raccolta potrà avvenire dall'1 al 21 ottobre presso tutte la Agenzie UniCredit (senza commissioni) o con bonifico da qualsiasi altro sportello bancario o postale al seguente conto corrente dedicato:
Fondazione per la Basilica di san Francesco di Assisi
IBAN: IT 84 X 02008 38278 000102255491
A sostegno della raccolta tutti i bancomat UniCredit dell’Umbria, della Toscana, delle Marche e del Friuli Venezia Giulia riporteranno un invito ad aderire alla raccolta e le stesse Agenzie saranno allestite con depliants illustrativi della iniziativa. La Rete dei dipendenti UniCredit è stata informata e sensibilizzata tramite tutti i canali di comunicazione interna di UniCredit con particolare attenzione ai 120 “Amici del Non Profit” che costituiscono l’ossatura della rete Unicredit Centro Italia per il sociale.






Questo è un articolo pubblicato il 02-10-2012 alle 23:59 sul giornale del 03 ottobre 2012 - 2326 letture

In questo articolo si parla di arte, solidarietà, giotto, unicredit, assisi, UniCredit Group, sacro convento, cimabue

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Er2