Piano regolatore, Pd: ''I cittadini hanno bisogno di certezze''

Simone Pettirossi e Federico Masciolini 29/10/2012 - Una platea numerosa, molto attenta e molto sensibile al futuro urbanistico della Città quella che giovedì scorso ha animato l’assemblea pubblica organizzata dal Partito Democratico di Assisi per parlare dello stato dell’arte del percorso di approvazione del nuovo Piano Regolatore Generale, al momento al vaglio della Provincia per quanto riguarda la parte strutturale.


Nel suo intervento di apertura il Segretario Comunale del PD Federico Masciolini ha sottolineato come dal PRG non si evinca un disegno chiaro di sviluppo della Città e si è rivolto all'Assessore provinciale Antonini affinché la Provincia vigili sui casi in cui in maniera più evidente emerge la necessità di un intervento a salvaguardia del patrimonio ambientale e culturale che rappresentano elemento qualificante dell'identità del territorio e fondamentale leva di sviluppo per Assisi.
Il capogruppo del PD di Assisi, che ha coordinato l'incontro, si è fatto portavoce delle richieste di tanti cittadini che chiedono certezza sui tempi e risposte sulle ipotesi di possibili tagli di aree edificabili dal PRG adottato dal Comune di Assisi, che ora è allo studio della Provincia di Perugia.
Molti contribuenti, infatti, oggi stanno già pagando l'IMU sui propri terreni, trasformati sulla carta in edificabili, con il rischio però che questi possano tornare agricoli oppure che abbiano una volumetria assegnata minima o pari a zero. Il punto è che i costi aumentati dei terreni, sostenuti dai cittadini, una volta pagati non sono più rimborsabili. L'IMU pagata, cioè, anche se i terreni dovessero tornare agricoli, non potrebbero essere rimborsati dal Comune ai cittadini, in base a quanto appurato con i tecnici degli uffici comunali.
Il capogruppo Simone Pettirossi ha anche sottolineato l'importanza di salvaguardare un territorio come il nostro, di fama mondiale, dal rischio di un'eccessiva cementificazione, soprattutto in un periodo di crisi come quello attuale, in cui il mercato immobiliare è stagnante. Bisogna sempre ricordare - ha sostenuto - che l'Ambiente rappresenta la nostra più grande ricchezza, anche dal punto di vista economico.
L'Assessore provinciale Carlo Antonini ha sottolineato che la Provincia ha la volontà di fare in fretta, ma è impossibile dare tempi certi, perché è in atto un confronto serrato tra gli enti. “Effettivamente il PRG di Assisi - ha affermato l'Assessore - supera in maniera consistente i limiti massimi consentiti dalla legge.” Sta, perciò, all'Amministrazione comunale di Assisi ora il compito di valutare come e dove tagliare, per rientrare entro i limiti imposti dal Piano di Coordinamento Territoriale Provinciale. Ci sono poi anche casi, ha sottolineato l'Assessore, di evidenti criticità dal punto di vista dell'impatto ambientale, per quanto riguarda in particolare alcune zone, che ovviamente dovranno essere analizzate con attenzione e scrupolo, visto il particolare pregio del territorio di Assisi.


Nella foto: Federico Masciolini e Simone Pettirossi

da Partito democratico
Sezione di Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-10-2012 alle 03:42 sul giornale del 29 ottobre 2012 - 979 letture

In questo articolo si parla di politica, partito democratico, piano regolatore generale, assisi, simone pettirossi, prg assisi, pd assisi, federico masciolini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/FsS