Apostolico replica a Sciamanna: ''Ecco il vero degrado''

Stefano Apostolico 30/10/2012 - Il professor Enrico Sciamanna insiste e persiste a voler dimostrare un degrado del territorio di Assisi, con implicita (secondo lui) responsabilità dell'amministrazione comunale (che non è quella del suo colore preferito) andando a fotografare situazioni estreme vattelappesca dove.


Invece tralascia di riprendere anche in minima parte, fotograficamente, quanto è stato realizzato (oltre 3.500 opere) in questi anni per migliorare e valorizzare il nostro territorio, considerato con ben diverso apprezzamento dai milioni di visitatori e turisti che continuano (nonostante la crisi) ad anteporlo come mèta turistica di primissimo piano.
Vorremmo che il "nostro", intenditore emerito di arte e di teatro, andasse a fotografare, e quindi a documentare, qualche volta, la mancanza di educazione civica del suo "popolo", che, in sua vece, vogliamo documentare noi, con qualche foto recente, nonostante il servizio di raccolta differenziata in corso, solo per dimostrare che "chi semina spine non deve andare scalzo...".


da Stefano Apostolico
Uniti per Assisi






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 30-10-2012 alle 17:20 sul giornale del 31 ottobre 2012 - 2473 letture

In questo articolo si parla di rifiuti, politica, assisi, degrado, stefano apostolico, uniti per assisi, enrico sciamanna

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Fwz


marina marini

30 ottobre, 18:05
La replica all'articolo è stata un po' troppo precipitosa.
Perchè Apostolico parla del suo "popolo" con riferimento all'articolo di Sciamanna???!!
LA MALEDUCAZIONE DEI CITTADINI NON MI SEMBRA ABBIA UN COLORO POLITICO!e credo che i depositi non si possano attribuire a qualcuno nello specifico a meno che non sia stato colto sul fatto!
E' vero che questa Amministrazione , congiuntamente alla precedente ha fatto molte cose e molte opere, ma 3500 mi sembrano un po' troppe!
Comunque la manutenzione ordinaria dei luoghi meno "visti" è come descritta senza bisogno di sentirsi piccati! L'ORTO DI S.RUFINO ad esempio , fotografato, è veramente squallido ed è un luogo bellissimo e purtoppo visibilissimo da tutti coloro che prendono il percorso pedonale che conduce al parcheggio di P.zza Nuova, turisti e non.Sarebbe auspicabile e molto bello che l'Amministrazione congiuntamente alla Curia pensasse ad un suo risanamento e riqualificazione : si era pensato molti anni fa di fare un anfiteatro verde ed utilizzare tale orto per concerti estivi...perchè non ripensarci?

Questa è una affermazione alquanto azzardata. Come fa Apostolico a sostenere che quella immondizia è stata messa lì dai sostenitori di Sciamanna? E' una affermazione di inaudita gravità. Accusa Sciamanna che il "suo" popolo(che significa?) sarebbe il peggio del peggio e che il professore predica bene ma razzola male. Senza tangibili prove e documentati riscontri mi sembra che Apostolico l'abbia fatta fuori dal vaso.

sono sconvolto nell'appurare la maleducazione di questi incivili di sinistra che seminano becero degrado nella nostra citta'.
una latta d'olio, bibite, un carrello portaspesa, cartoni di birra: tutti rifiuti chiaramente e inconfondibilmente COMUNISTI.

stiamo rasentando il surreale.

Renzo Palermo

27 novembre, 04:52
Sig. Apostolico, chiedo scusa ma la colpa è mia. Quella lattina di olio ( tra l'altro olio non conveniente se facciamo un rapporto qualità prezzo ) è di mio suocero e riconosco anche le lattine di coca cola light di mia moglie ( un pò appesantita e beve la light ). Il cartoncino della Dreher non è mio perchè noi beviamo solo Peroni, mentre riconosco le ruote del carrellino della spesa di mia zia Clementina. Le buste chiuse non sono mie, quelle sono proprio di Sciamanna, l'ho visto io scendere furtivo dalla macchina, guardarsi intorno e poi buttare le buste per terra. Queste cose da noi al sud non succedono, i sacchetti li apriamo prima di buttarli!!!Cordialmente vostro