Urbanistica, Freddii: ''L'esito del Prg non venga influenzato da beghe politiche''

Rino Freddii 3' di lettura 31/10/2012 - Rincorrere la maggioranza è diventato uno sport assai praticato da parte dell’opposizione. Anche sul PRG (dopo l’ospedale e la raccolta differenziata) lo stato maggiore del PD locale è arrivato dopo di noi nell’organizzare un’assemblea pubblica e come al solito non è mancato lo scontato, quanto inopportuno, invito a partecipare ad un assessore (in questo caso provinciale) a loro molto vicino.


Per noi il nuovo PRG non è un argomento da utilizzare per dimostrare se i più bravi, belli e buoni sono da una parte o dall’altra, tanto è vero che nei nostri dodici incontri con i cittadini non abbiamo esposto nessun simbolo di partito e ci siamo fatti accompagnare non da esponenti politici di alto rango, ma dall’architetto Ghirelli, che come progettista ha saputo dare risposte tecniche puntuali e precise e non certo influenzate politicamente (meriti questi che gli sono stati riconosciuti già nella passata legislatura anche dall’opposizione).
Io non so se e cosa abbia detto l’assessore Antonini ai presenti in merito al progetto della parte strutturale. Spero che non si sia lasciato influenzare più di tanto dall’essere l’ospite d’onore di un’assemblea organizzata dalla sua parte politica, anzi sono fermamente convinto che vista l’importanza e la delicatezza dell’argomento ed il ruolo che ricopre non avrà certo detto ai presenti cose che non fossero già state comunicate al sindaco Ricci e all’assessore Fortini nei numerosi incontri che si sono succeduti.
Sicuramente si sarà limitato ad evidenziare che il progetto approvato dal Consiglio Comunale di Assisi, ora al vaglio dell’Amministrazione Provinciale, recepisce tutte le normative vigenti sia regionali che provinciali, include le norme di gestione del sito UNESCO e le linee guida per la qualità del paesaggio, prevede una politica di sviluppo e il riordino qualitativo delle aree industriali ed artigianali, non compromette zone storicamente tutelate, ma che anzi è stata posta una particolare attenzione alla salvaguardia dei coni visuali e dei crinali.
Come non avrà mancato di sottolineare che nel conteggio della cubatura sono state incluse volumetrie che ricadono sì nel nostro comune, ma derivanti da lavori di interesse regionale e provinciale come l’aeroporto San Francesco di Assisi e la frana di Torgiovannetto.

A tal proposito sono convinto che la Provincia valuterà attentamente il progetto, lo sviluppo, il ruolo, la collocazione geografica, i servizi esistenti e da realizzare, le infrastrutture di ogni comune, rivedendo e personalizzando la percentuale di incremento ora fissata indistintamente al 10%.
Per quanto concerne i tempi di approvazione e gli eventuali tagli alle osservazioni presentate da privati, imprese ed associazioni, credo che le norme vigenti affidino alle varie amministrazioni interessate compiti e responsabilità ben precise, così come allo stesso tempo ogni gruppo politico sarà chiamato dai cittadini a rispondere del proprio operato.
L’auspicio è che l’esito del PRG, strumento di grande rilevanza non solo dal punto di vista urbanistico ma anche sociale ed economico, non venga influenzato da beghe politiche né tra gli schieramenti né all’interno di ciascun schieramento.

Nella foto: Rino Freddii

da Rino Freddii
Gruppo consiliare Popolo della Libertà





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 31-10-2012 alle 16:19 sul giornale del 02 novembre 2012 - 1218 letture

In questo articolo si parla di urbanistica, politica, piano regolatore generale, assisi, rino freddii, carlo antonini, prg assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Fzo