Calendimaggio: Marcucci, ''Dibattito senza fondamento''

Paolo Marcucci 1' di lettura 17/11/2012 - Mercoledì scorso ho presentato un'interrogazione urgente per chiedere conto al sindaco Ricci del suo comportamento in merito alla nota questione “Calendimaggio”. A termini di regolamento, questa interrogazione si doveva discutere nel prossimo consiglio comunale previsto per giovedì prossimo, 22 novembre.


Oggi ho appreso invece che il Sindaco Ricci, forse intimorito dal dover rispondere pubblicamente del suo operato, durante la riunione della giunta ha chiesto di rinviare la discussione della mia interrogazione, con la scusa di dover richiedere una istruttoria tecnica al dirigente preposto.
Ogni commento è superfluo, considerato il comunicato stampa che Ricci ha pubblicato dopo aver visionato la mia interrogazione: tralasciando i fantomatici ”doverosi atti di giunta”, attendiamo ora con ansia la sua “lettera formale conclusiva alle Parti del Calendimaggio, all'Ente e al Collegio dei Saggi al fine di chiarire compiti e competenze del Comune”.
Il balletto al quale ci ha fatto assistere Ricci nelle ultime settimane, convocando più volte le Parti e il Presidente dell’Ente, non solo è privo di qualsiasi logica, ragione e fondamento, ma è addirittura ridicolo ed imbarazzante, considerato che – per ammissione dello stesso Ricci – lo Statuto attuale attribuisce al sindaco soltanto poteri di nomina del Presidente e di alcuni delegati comunali all'Ente, ma non la loro revoca.
Fermo restando che l’arrogante prepotenza con la quale Ricci e chi lo spalleggia cercano di ostacolare la mia legittima attività di consigliere comunale, in spregio alle norme e ai regolamenti, sarà oggetto di ogni possibile azione di tutela nelle opportune sedi, invito tutti coloro che vogliono leggere la mia interrogazione a scaricarla dal blog “squillanletrombe”.


da Paolo Marcucci
Lista civica Buongiorno Assisi





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 17-11-2012 alle 03:34 sul giornale del 17 novembre 2012 - 1027 letture

In questo articolo si parla di politica, assisi, calendimaggio, paolo marcucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/F0g


grilloparlante

17 novembre, 14:01
L'ordine del giorno del consiglio comunale spetta al presidente del consiglio comunale ed alla conferenza dei capigruppo. La giunta non ha nessun potere in merito. Naturalmente la presidente del consiglio comunale dovrebbe essere al di sopra delle parti e non prendere ordini dalla giunta, ma l'attuale non mi pare il tipo in grado di farlo.