San Francesco in 3D con 'Frame', la prima mediateca francescana

Frame, mediateca francescana 18/11/2012 - Battezzata con un “touch” del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano lo scorso 6 ottobre al termine del dialogo con il cardinal Ravasi in occasione del Cortile dei Gentili, la prima mediateca francescana “Frame” è stata ufficialmente inaugurata domenica 18 novembre nella cornice del sacro convento di Assisi.


La mediateca è un database interattivo e accessibile a tutti, consultabile in particolare dai pellegrini, che contiene un patrimonio eccezionale di documenti e immagini legati a San Francesco, alla basilica di Assisi e alla comunità dei frati minori conventuali. Una miniera di documenti e oltre 1000 immagini da ammirare attraverso due touchscreen grazie ai quali visualizzare oltre 700 documenti e sfogliare bolle, atti, manoscritti e alcuni dei codici miniati più belli al mondo, con la possibilità di ingrandire di dieci volte le preziose e suggestive raffigurazioni che li caratterizzano. Frame include, inoltre, le riproduzioni digitalizzate dei dipinti di Cimabue, Giotto, Simone Martini e Pietro Lorenzetti presenti nella basilica inferiore e in quella superiore, nonché il film “Francesco”, che in 12 lingue riassume i passaggi della vita e della testimonianza del Santo, e un film-documentario su come i frati vivono la loro giornata nel Sacro convento, scandita dai tempi della preghiera e dell’accoglienza, attraverso un tour virtuale degli ambienti del convento.
Frame si sviluppa su tre sale multimediali che includono cinque postazioni interattive, due maxischermi da 10 metri quadri, tre touch screen e uno schermo 3D. La struttura multimediale, finanziata dal gruppo Eni, si trova nei pressi della basilica inferiore di San Francesco ed è stata realizzata da Capware, società leader nella comunicazione innovativa dei beni culturali che vanta collaborazioni con i Pink Floyd, la galleria nazionale d’arte Smithsonian di Washington e il museo Hermitage di San Pietroburgo.

Frame è stata realizzata con l’intento di mettere in comune ciò che è difficilmente accessibile e condividere ciò che altrimenti resterebbe il privilegio di pochi nello spirito di Francesco, presente in ogni dettaglio dell’allestimento con la prevalenza di materie povere e semplici come il legno, alla sala centrale che riproduce un bosco, segno dell’amore del Poverello per la natura.
Al taglio del nastro erano presenti la governatrice dell’Umbria Catiuscia Marini, il sottosegretario al Pontificio consiglio per le comunicazioni sociali Angelo Scelzo e una folta rappresentanza delle autorità civili e religiose locali.
“La Mediateca San Francesco - ha dichiarato il custode del Sacro convento, padre Giuseppe Piemontese - è il salotto nel quale i pellegrini, accolti da Francesco, incominciano a conoscersi, a incontrarsi come fratelli, figli dell’Altissimo Onnipotente buon Signore, e ad avere il primo approccio alle ricchezze spirituali ed artistiche nella quali sono immersi nel cuore francescano”.
“Un momento storico per la comunità francescana del Sacro Convento di Assisi - ha aggiunto padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa - che passa dalla comunicazione tradizionale ad una comunicazione innovativa dei beni culturali”.
Tutte le informazioni e le immagini in esclusiva di Frame sono sul sito www.sanfrancesco.org.


Nelle foto: l’inaugurazione di Frame (foto Cristiana Costantini e sanfrancesco.org)








Questo è un articolo pubblicato il 18-11-2012 alle 19:31 sul giornale del 19 novembre 2012 - 1754 letture

In questo articolo si parla di attualità, assisi, sara caponi, frame, mediateca francescana

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Gbk