Bastia Umbra: lavoratrici precarie reintegrate alla Isa

Isa Bastia Umbra 1' di lettura 27/11/2012 - La Filca Cisl Umbria vuole esprimere la propria soddisfazione per il ritorno a lavoro delle due lavoratrici che, in questi giorni, hanno ripreso l’attività lavorativa presso la Isa srl di Bastia Umbra. A queste lavoratrici, dopo un periodo di fermo lavorativo forzato, va il ben tornato del sindacato.

“Siamo soddisfatti per l’esito della vertenza – ha fatto sapere la segreteria Filca Cisl Umbria- in quanto questa ha reso possibile il reintegro di due lavoratrici che non erano state richiamate dall’azienda a lavoro, dopo aver applicato alle stesse un lungo periodo di contratti a tempo determinato (superando la soglia di 36 mesi). A nostro avviso l’azienda ha tenuto un comportamento sbagliato, come poi è stato dimostrato dalle leggi vigenti”.
“Ciò che è accaduto alla Isa – è stato commentato dalla Filca Cisl Umbria - è un fatto importante che ridà forza ai lavoratori che devono credere sempre di più nelle regole e nei contratti di lavoro”.
Anche per questo la Filca Cisl Umbria chiede ai lavoratori di avere sempre più fiducia e sostenere le discussioni e le vertenze del sindacato, le quali hanno come obbiettivo quello di migliorare le condizioni di lavoro e quelle economiche. “L’adesione dei lavoratori al sindacato – ha spiegato la Filca Cisl Umbria- è il carburante del modello partecipativo e democratico. Per questo è fondamentale sottoscrivere la propria adesione volontaria e divenire soci del sindacato e protagonisti delle scelte aziendali”.


Nella foto:
lo stabilimento Isa di Bastia Umbra





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-11-2012 alle 16:58 sul giornale del 28 novembre 2012 - 1783 letture

In questo articolo si parla di lavoro, precariato, isa, vertenza, bastia umbra, filca cisl umbria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Gzi