Cannara: la raccolta differenziata vola al 60%

Raccolta differenziata 2' di lettura 01/02/2013 - A distanza di un anno dalla partenza del nuovo modello di raccolta porta a porta spinto della raccolta dei rifiuti è possibile tracciare un primo bilancio: nel Comune di Cannara la percentuale di raccolta differenziata è passata dal 24,30 % del 2011 al 60,07% del 2012 raggiungendo in alcuni mesi anche il 67% e quindi molto vicino all’obiettivo fissato dal Piano regionale dei rifiuti.

Da sottolineare che il modello di raccolta copre il 100% della popolazione e interessa quindi tutto il territorio comunale come succede in pochissimi altri comuni.
Nonostante l’impegno sostenuto con la fondamentale collaborazione della stragrande maggioranza dei cittadini, rimangono delle criticità riconducibili in particolare al centro storico dove spesso il conferimento avviene in maniera scorretta. Per ovviare a tali comportamenti, che poi incidono pesantemente sulle percentuali gravando sulle tasche di tutti i cittadini, la polizia municipale sta procedendo ad una serie di controlli, coadiuvata dai vigili ecologici, e all’invio dei verbali di sanzione a carico dei trasgressori secondo il regolamento adottato dal consiglio comunale.
Grazie all’opera di sensibilizzazione attraverso il coinvolgimento delle associazioni e delle scuole portata avanti in collaborazione con la Sia che gestisce il servizio nel territorio di Cannara, sta crescendo nella comunità una maggiore coscienza ecologica che ha consentito nel giro di poco tempo una percentuale di raccolta differenziata davvero importante. Opera di sensibilizzazione che continua anche attraverso l’adesione ai progetti promossi dalla Gesenu in collaborazione con l’Istituto Comprensivo A.Frank e la Scuola per l’Infanzia Paritaria degli Irre.
Oltre alla differenziazione dei rifiuti sono fondamentali altri due concetti relativi al riuso e alla riduzione della produzione dei rifiuti. In quest’ottica il Comune di Cannara, grazie al progetto sostenuto dall’Ati 2 e da Umbraacque , dal febbraio 2012 ha installato la fontanella per l’erogazione dell’acqua naturale e gassata che ad oggi ha distribuito al prezzo di cinque centesimi ogni litro e mezzo, 360.000 litri di acqua risparmiando ottanta tonnellate di plastica ovvero 240.000 bottiglie di plastica, oltre ad aver ridotto l’immissione di CO2 nell’atmosfera visto che l’acqua è a km zero direttamente dalla linea dell’acquedotto pubblico.
“Siamo soddisfatti dei risultati raggiunti ma convinti che non possiamo fermarci, dobbiamo e possiamo raggiungere percentuali più alte e diminuire ancora il quantitativo dei rifiuti prodotti e conferiti in discarica provando ad avvicinarci il più possibile alla produzione zero di rifiuti - spiega il Sindaco Giovanna Petrini -. Voglio comunque ringraziare a nome dell’Amministrazione Comunale tutti i cittadini che interpretano in maniera corretta e con grande impegno il nuovo modello di raccolta differenziata e chiedere a tutti un ulteriore sforzo per la salvaguardia dell’ambiente in cui viviamo e per il miglioramento della qualità della vita”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2013 alle 02:45 sul giornale del 01 febbraio 2013 - 937 letture

In questo articolo si parla di attualità, raccolta differenziata, cannara, comune di cannara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ITH