Le cerase e i mostaccioli presenta: le bartocciate di Perugia

Bartocciate 2' di lettura 01/02/2013 - Torna l’appuntamento con “Le cerase e i mostaccioli”, la rubrica curata dalla foodblogger Chiara Giontoni, che ogni mese regala ai lettori di Vivere Assisi una ricetta della tradizione locale. La ricetta di febbraio, in onore del Carnevale, ci spiega come preparare delle ottime “bartocciate di Perugia”.

La maschera tipica del carnevale umbro è il Bartoccio, il contadino perugino sagace, gioviale e saggio che abita nella zona di Pian del Tevere e che a partire dal 1600 compare ufficialmente nella tradizione letteraria locale. Le vivaci vicende familiari di cui il Bartoccio è protagonista insieme alla moglie Rosa, la figlia Suntina ed il compare di ventura Mencarone si intrecciano con la storia della città di Perugia ed è così che nascono le “Bartocciate” composizioni dialettali scritte su libelli anonimi di contenuto sociale.
Il Bartoccio durante il carnevale cantava i fatti di cronaca locale e per l’occasione lanciava messaggi satirici alla classe politica perugina dell’epoca. Con il passare degli anni la maschera di Perugia è divenuta sempre più famosa, soprattuutto per il suggestivo ricordo dei personaggi popolari e per la memoria delle antiche tradizioni, tanto da diventare uno degli emblemi della Città. Nei secoli successivi si è persa l’usanza di divulgare i cartigli satirici che sono stati sostituiti dalla più tipica tradizione carnevalesca, quella di preparare le “Bartocciate di Perugia”, gustose frittelle dall' aspetto rustico, contraddistinte dal sapore semplice ed intenso nato dall' abbinamento di uvetta e pinoli.
Ad oggi le gesta del bartoccio si possono riscoprire grazie a manifestazioni ed associazioni culturali locali, nate appositamente per non far dimenticare una parte d’identità cittadina.



Le bartocciate di Perugia
Ricetta di Chiara Giontoni

Ingredienti per l’impasto
250 gr. di farina manitoba,
una bustina di lievito per dolci,
80 gr. di zucchero semolato,
6 cucchiai di latte,
6 cucchiai di marsala,
2 uova,
50 gr. di uvetta sultanina,
50 gr. di pinoli,
un pizzico di sale,
q.b. di olio di mais per friggere.
Ingredienti per la decorazione
100 gr. di zucchero
zuccherini mompariglia colorati.


Procedimento
Mettete l’uvetta in ammollo in acqua tiepida per una ventina di minuti; trascorso il tempo asciugate l’uvetta e prendete una ciotola dove verserete la farina, lo zucchero, il sale, il latte ed il marsala, aggiungete le uova, l’uvetta ed i pinoli ed amalgamate il composto con una frusta. Quando avrete ottenuto un impasto omogeneo, con l’aiuto di due cucchiai prelevate la giusta quantità e friggete le Bartocciate in abbondante olio caldo: quando le frittelle saranno ben dorate prelevatele con la schiumarola e mettetele a scolare sulla carta paglia. Infine sistemate le Bartocciate all' interno di una ciotola e ricopritele con abbondante zucchero, sistematele nel piatto da portata e rifinite la guarnizione con gli zuccherini di mompariglia colorata.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-02-2013 alle 02:59 sul giornale del 01 febbraio 2013 - 2773 letture

In questo articolo si parla di attualità, cucina, gastronomia, assisi, tradizione, chiara giontoni, le cerase e i mostaccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/ITJ

Leggi gli altri articoli della rubrica Le Cerase e i Mostaccioli