Con i Ra.Mi. in missione nel cuore dell'Amazzonia

Amazzonia 2' di lettura 08/02/2013 - I Ra.Mi. (Ragazzi missionari), onlus nata ad Assisi e formata da tanti giovani pronti a donare e donarsi non solo per la città, ma anche per i disagiati del nostro Paese e di altri Paesi del mondo, hanno messo in moto la macchina organizzativa per promuovere anche quest’anno i viaggi missionari in Amazzonia, in programma per luglio-agosto e ottobre.

L’invito a partecipare è aperto a chiunque fosse interessato, che può contattare i Ra.Mi. per chiedere informazioni e chiarire eventuali dubbi, nonché ottenere informazioni sul weekend nazionale organizzato dai Ra.Mi e sul colloquio con gli organizzatori del viaggio, entrambi propedeutici alla partecipazione.
“Questo viaggio - spiegano gli organizzatori - è un atto dai molteplici valori. Si aiuta concretamente, ci si aiuta ad aprirci e comprendere meglio un presente spesso incomprensibile. Incredibilmente, volando in Amazzonia qiutiamo l’intorno sociale di dove abitiamo e le persone che quotidianamente incontriamo”.
Un viaggio nel cuore dell’Amazzonia
Si svolge nel periodo tra giugno e ottobre, ha generalmente ha una durata di tre settimane e si tratta di un viaggio itinerante, in cui principalmente si visitano i progetti che i Ra.Mi. seguono e sostengono dall'Italia durante tutto l'anno.
Un viaggio difficile da descrivere in poche parole, denso di incontri, a contatto con realtà anche molto diverse tra loro. I Ra.Mi. passano la maggior parte del tempo insieme alle popolazioni indigene tikunas, dislocate in vari villaggi, dove negli anni sono state costruite scuole e pozzi, per poi approdare a Manaus, la capitale dello stato dell'Amazzonia brasiliana, la tipica grande città dove a grattacieli si alternano distese di baracche, con tutti i problemi della strada, delle favelas, di un tessuto sociale gravemente in crisi.
A Manaus si trova il centro polivalente "beatos David e Gildo", il primo progetto sostenuto dai Ra.Mi. ormai 10 anni fa; è sempre prevista una visita al lebbrosario, mentre di volta in volta si incontrano diverse realtà sostenute negli anni, come quella della pastoral do menor; ultimamente si è sviluppato un forte rapporto con gli ideatori del progetto "ler para crescer". Un'esperienza ricca, ricchissima, che non può non cambiare la vita!
Prepararsi all'esperienza Missionaria in Amazzonia non è solo una questione di vaccini e passaporto: nel cammino che ti proponiamo è importante partecipare a almeno 2 dei 3 weekend Ra.Mi., gli incontri nazionali organizzati nell'arco dell'anno.
Per informazioni:








Questo è un articolo pubblicato il 08-02-2013 alle 18:00 sul giornale del 09 febbraio 2013 - 965 letture

In questo articolo si parla di attualità, solidarietà, assisi, sara caponi, ragazzi missionari, ra.mi.

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/I9B