Bettona: frammento di cranio umano rinvenuto nel bosco

Bettona 1' di lettura 21/02/2013 - E’ con ogni probabilità umano il frammento di cranio rinvenuto di recente da alcuni cacciatori della zona nelle colline bettonesi e ora all'esame dell’istituto di anatomia patologica dell'ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia.

La notizia è stata riportata dal Giornale dell’Umbria nell’edizione di ieri, 20 febbraio.
Sul caso sono intervenuti i carabinieri di Assisi coordinati dal capitano Marco Sivori che hanno setacciato l’intera zona alla ricerca di altri frammenti, ma il resto ritrovato è per ora l’unico restituito dal bosco. Quanto alla provenienza, non è da escludersi che esso possa essere stato trasportato lì da qualche animale oppure dal ruscello che scorre nei pressi del luogo del ritrovamento.
Sul frammento il medico legale Laura Paglicci Reattelli sta conducendo accurate analisi, disposte dal magistrato per chiarirne la natura e l’eventuale provenienza.
Dopo la conferma della natura umana, lo step successivo consisterà nel cercare di estrarre il dna per un eventuale esame comparativo al fine di dare un nome a quel frammento.
Non è da escludersi che, vista la coincidenza geografica, si potrebbe cercare di escludere l’appartenenza del resto alla quattordicenne Daniela Sanjuan, scomparsa dalla casa famiglia presso cui era ospitata e situata proprio nelle colline bettonesi. Le ricerche della giovane, sparita il 23 ottobre del 2003, si erano protratte per mesi da parte delle forze dell’ordine, che avevano passato al setaccio i boschi circostanti in cerca di una traccia, mai trovata.






Questo è un articolo pubblicato il 21-02-2013 alle 01:29 sul giornale del 21 febbraio 2013 - 1904 letture

In questo articolo si parla di sara caponi, bettona

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/JNb