Cannara parteciperà al Puc 3 per valorizzare Urvinum Hortense

Scavi Urvinum Hortense Cannara 3' di lettura 06/08/2013 - La valorizzazione e la promozione della zona archeologica di Urvinum Hortense è uno dei punti su cui si concentra l’attività dell’Amministrazione Comunale di Cannara per la promozione e la valorizzazione del patrimonio storico artistico e culturale con particolare riferimento al patrimonio archeologico.

Accanto al borgo medioevale di Collemancio, situato su un esteso pianoro si trovano i resti dell’antico Municipio romano di Urvinum Hortense : la posizione dominante del luogo fa ritenere che il municipio dovesse rivestire un particolare ruolo di controllo sulle città circostanti oltre a permettere il controllo dell’intera rete stradale antica. Un’iscrizione rinvenuta ricorda Priamus, schiavo che ricoprì il ruolo di “ magister navium”, pubblico ufficiale preposto al controllo della navigazione fluviale attestando cosi lo sfruttamento dei fiumi della pianura come via commerciale fin da un periodo repubblicano molto antico.
Le prime indagini effettuate nell’area risalgono agli inizi del XIX secolo e furono eseguite dall’abate Giusepppe di Costanzo, segui poi una lunga pausa fino al 1932 quando un comitato cittadino sollevò la questione e la direzione degli scavi al Prof. Giovanni Cannelli Bizzozzero profondo cultore di antichità e storia locale.
A questi interventi sono seguiti in tempi più recenti alcune iniziative sporadiche come quella dell’ACLI nel 1963 e alcuni interventi di restauro promossi dalla Soprintendenza Archeologica tra il 1984 e il 1985.
Nel 2003 è stato inaugurato l’Antiquarium di Collemancio primo contenitore espositivo per i reperti archeologici provenienti dagli scavi e con un’aula didattica per la formazione utilizzavile per ricostruire le tecniche di scavo e di realizzazione dei mosaici.
Nel 2009 è stato aperto il Museo di Cannara recuperando l’ex convento delle salesiane situato nel centro storico della città: la struttura che si articola su tre piani più una torretta ospita parte dei reperti restaurati oltre al Mosaico delle Terme che si estende per circa 70 metri quadrati a soggetto nilotico e policromo.
Continuano nel frattempo e sono giunte con quella del 2013 alla sedicesima edizione le campagne di scavo nel sito archeologico coordinate dal priof. Maurizio Mattini Chiari, quest’anno la campagna si apre il 7 settembre per terminare il 9 ottobre.
Per la campagna 2013 si è concretizzata un’importante sinergia con l’intervento della Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia con la quale il Comune ha stipulato una convenzione cofinanziando l’intervento di scavo per l’anno 2013.
L’Amministrazione Comunale ha inoltre sottoscritto analoga convenzione con l’Università degli Studi di Perugia che con il nulla osta della Soprintendenza Archeologica gestirà la campagna di scavo, il restauro dei reperti e l’organizzazione di convegni per divulgare alla comunità i risultati di questi interventi.
“Allo scopo di valorizzare e incrementare la fruibilità del patrimonio archeologico- spiega l’Asssessore alla Cultura Federica Trombettoni- il Comune di Cannara ha aderito alla rete museale regionale Terre e Musei dell’Umbria insieme ad altri 12 Comuni dell’Umbria detentori di uno straordinario patrimonio culturale, poiché riteniamo che la sinergia sia fondamentale per far conoscere il nostro straordinario patrimonio; a breve inizieranno inoltre i lavori per il completamento della pavimentazione del centro storico di Collemancio e per la riqualificazione delle vie di accesso alla zona archeologica”.
A dimostrazione dell’interesse dell’Amministrazione Comunale per il patrimonio archeologico che può diventare un importante volano di sviluppo e di attrattiva è importante conoscere anche i programmi a medio termine.
“Intendiamo partecipare - argomenta il Sindaco Giovanna Petrini - al bando regionale per il PUC 3 focalizzando l’attenzione per quanto riguarda la parte di intervento pubblico anche sul completamento dell’area a servizi del museo riqualificando cosi una parte importante dell’ingresso della città, abbiamo inoltre approvato il progetto esecutivo per un ulteriore stralcio di pavimentazione per la via d’accesso all’ingresso del Museo, i lavori partiranno non appena saranno conclusi i lavori di ristrutturazione del teatro comunale adiacente alla struttura museale. Continuiamo a lavorare alla realizzazione del programma elettorale per il quale i cittadini ci hanno dato consenso questa è l’unica cosa che ci interessa fare”.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 06-08-2013 alle 23:09 sul giornale del 07 agosto 2013 - 1785 letture

In questo articolo si parla di attualità, cannara, comune di cannara

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Qo2