Prg, Pettirossi: ''Chiesto consiglio aperto per dar voce a tutti''

Simone Pettirossi 2' di lettura 26/08/2013 - Curioso modo di intendere la "partecipazione" da parte del Sindaco, come se fosse una pratica burocratica da sbrigare. Per quanto ci riguarda non condividiamo questa versione "minimalista" della partecipazione. In democrazia la partecipazione "non finisce mai"! Dovrebbe essere, invece, il "sale" di qualsiasi scelta, prima, durante e dopo.

Ad Assisi, peraltro, gran parte della "fase partecipativa" al PRG è stata fatta dopo l'adozione del piano, invece che prima dell'adozione, quando i comitati e i cittadini avrebbero potuto incidere veramente, se ascoltati, sulle scelte complessive di uno strumento che condizionerà profondamente il nostro territorio nei prossimi anni.
Anche le citazioni sul numero di cittadini che avrebbero partecipato agli incontri lasciano il tempo che trovano, visto che nessuno attesta ufficialmente il dato e, per la verità, abbiamo constatato che in molte occasioni diverse persone erano "ospiti fissi" ai diversi appuntamenti...
Per quanto ci riguarda, comunque, riteniamo che di fronte ai dubbi e alle perplessità di tanti cittadini, comitati e movimenti riguardo al PRG non ci si possa trincerare dietro ai tecnicismi, ma ci sia sempre lo spazio per un confronto pubblico. Gli amministratori comunali sono tenuti a "spiegare" sempre le proprie ragioni, ma in un dialogo tra le parti, non in un monologo.
Si capisce chiaramente che un'Amministrazione comunale che non vuole neanche la diretta streaming dei Consigli comunali (che le forze di opposizione hanno chiesto fin dall'inizio della consiliatura) non manifesti grande propensione al confronto.
Ma proprio per questo abbiamo presentato una formale richiesta di convocazione del Consiglio comunale, con prot. n. 0025972 del 26 agosto 2013, sottoscritta da oltre un quinto dei Consiglieri comunali (Pettirossi, Marcucci, Maccabei, Bartolini, Fioroni), con all'Ordine del Giorno un unico punto: Nuovo Piano Regolatore Generale.
Ci aspettiamo, quindi, che il Consiglio comunale sia riunito entro 20 giorni, come previsto dall'articolo 21 dello Statuto Comunale. Auspichiamo inoltre, come già chiesto, che sia "aperto", per permettere a tutti (cittadini, comitati, movimenti) di intervenire con diritto di parola.


da Simone Pettirossi
Capogruppo consiliare Pd Assisi




Questo è un articolo pubblicato il 26-08-2013 alle 22:23 sul giornale del 27 agosto 2013 - 803 letture

In questo articolo si parla di partito democratico, simone pettirossi, pd assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/Q2f