Un milione per restaurare la Chiesa Nuova: il regalo di un magnate russo

Chiesa Nuova Assisi 2' di lettura 19/09/2013 - Un milione di euro: a tanto ammonta la somma che il magnate russo Sergey Matvienko ha messo a disposizione per finanziare il restauro della Chiesa nuova di Assisi, sorta sulla casa di San Francesco nel pieno centro storico della città serafica.

All'interno della chiesa si trovano alcuni affreschi raffiguranti la vita di Francesco che necessitano di un ampio restauro. I soggetti degli affreschi raffigurano il Poverello, l'inizio della sua affascinante vita e i ritratti di alcuni “compagni di viaggio”. Pezzi di storia di straordinaria importanza che, purtroppo, nel 1925 furono coperti, gettando un'ombra sul tesoro artistico custodito dalla chiesa che sorge nei pressi della sede municipale.
Il contatto Assisi-Russia è avvenuto per mezzo del guardiano del convento annesso alla chiesa, padre Francesco De Lazzari, che ha incontrato uno storico dell'arte e console onorario della Federazione russa di Ancona, il professor Armando Ginesi. All'incontro è seguito l'interessamento del magnate Matvienko, che ha dato la sua disponibilità per finanziare l'ingente restauro artistico.
Il “patto” è stato suggellato mercoledì 18 settemre, a Roma, presso la curia generale dell'Ordine dei frati minori, dove in un incontro ufficiale è stato firmato l'accordo per attivare il restauro interno e pittorico della Chiesa nuova. Alla firma dell'accordo erano presenti il sindaco di Assisi Claudio Ricci, l'ambasciatore della Federazione russa in Italia, Sergey Razov, il ministro generale dei frati minori padre Michael Anthony Perry, il ministro provinciale padre Bruno Ottavi e il guardiano del convento padre De Lazzari, promotore dell'iniziativa di restauro.
I lavori, che dovrebbero iniziare in tempi brevi, potrebbero essere completati nel giro di dodici mesi. Fra poco più di un anno, insomma, la casa di San Francesco potrebbe tornare al suo antico splendore.
L'ambasciatore russo, riferisce in una nota il primo cittadino, si è peraltro dimostrato “particolarmente attento allo sviluppo delle correlazioni culturali e turistiche fra Russia, Italia e Assisi (nel quadro di alcune iniziative già in programma, per il 2014, fra Russia e Italia). La Federazione Russa, sul piano culturale e turistico rappresenta - conclude il sindaco di Assisi - un riferimento importante correlato ad un prodotto turistico di qualità”.






Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2013 alle 17:05 sul giornale del 20 settembre 2013 - 2325 letture

In questo articolo si parla di attualità, sara caponi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/RYc