L'invasione di giovani della Marcia Francescana (Fotogallery)

Festa del perdono 2014 4' di lettura 04/08/2014 - Anche quest’anno, in occasione delle celebrazioni per la Festa del Perdono, intorno alle 15 di sabato pomeriggio un fiume di 1750 giovani ha raggiunto il sagrato della Basilica papale di Santa Maria degli Angeli. Era la 34esima marcia francescana, intitolata "Cento per uno", con ragazzi provenienti da ogni parte d'Italia, dal Sud Tirol, dalla Bosnia.

L’arrivo della marcia ha concluso le celebrazioni della Festa del Perdono che si è svolta venerdì 1 e sabato 2 agosto. La festa ripete il “miracolo” dell’indulgenza, dono chiesto e ottenuto da San Francesco di Assisi che quasi ottocento anni fa ottenne dal Pontefice la grazia del perdono per chiunque avesse varcato la porta della Porziuncola, custodita all’interno della basilica papale di Santa Maria degli Angeli.
Basilica che, nella mattinata di sabato, ha ospitato la solenne celebrazione del Perdono, presieduta dal vescovo di Assisi mons. Domenico Sorrentino insieme ai vescovi dell’Umbria, tra cui l’ex custode del sacro convento di Assisi, l’attuale vescovo di Terni mons. Giuseppe Piemontese.
L’arrivo della marcia, nel pomeriggio, ha concluso come sempre con spirito di festa la due giorni di preghiera che ha richiamato a Santa Maria degli Angeli migliaia di fedeli.
“Anche le salite che ci siamo trovati a fare fanno parte del nostro cammino, ma il Signore è sempre con noi, anche quando ci sentiamo soli e delusi”. Queste le parole di padre Michael Perry, ministro generale dei frati minori, che sottolinea: “Ci sono due certezze nella vita: la prima è che Dio ci ama veramente, la seconda è che possiamo andare avanti insieme, nella fraternità universale. In questo momento della globalizzazione e dell'incertezza non dobbiamo mai dimenticare la presenza di Dio, che troviamo anche nel prossimo, nell'amicizia. Non lasciate che questa esperienza rimanga solo un ricordo legato ad Assisi, ma portatela con voi e approfonditela tramite l'incontro con Gesù e con i fratelli. Io vi prometto che farò questa marcia insieme a voi, giorno dopo giorno. Vi porterò sempre nelle mie preghiere”.
La marcia francescana, che si ripete da ormai oltre trent’anni, coinvolge un numero sempre crescente di giovani da ogni parte del Paese e che supera anche i confini nazionali. "Siamo partiti da Amelia - racconta padre Francesco Piloni, responsabile prima marcia Umbria - Sardegna (gruppo di 280 ragazzi) - dove abbiamo fatto un ritiro spirituale, poi abbiamo raggiunto Montecastrilli, Massa Martana, San Terenziano e Montefalco dove abbiamo vissuto il Perdono. Così abbiamo raggiunto Spello e dopo 120 km di marcia siamo giunti qui a Santa Maria degli Angeli. Questa 34a marcia si intitola "cento per uno" e si riferisce ad una parte del Vangelo di Matteo in cui si racconta di Gesù che va a seminare in vari terreni. Con questo Cristo chiede che la nostra vita fruttifichi al massimo. Il sogno di Dio è nella pienezza dell'uomo, in una vita spesa per l'amore, per costruire il regno dei Cieli che è già qui sulla terra. Per questo ottocento anni fa San Francesco nella Porziuncola ha detto: "voglio mandarvi tutti in Paradiso". Il paradiso è già qui, se viviamo il sogno di Dio in modo vero e giusto".
Insieme ai giovani, in cammino anche tanti volontari che danno il loro apporto in molteplici modi. "Abbiamo camminato tanto e dormito poche ore a notte - spiega Elisabetta, addetta al servizio (pulizia, ristorazione) per il gruppo umbro - perché il lavoro da offrire al nostro gruppo era davvero molto. La fatica fisica c'è stata ma ha prevalso la pace e la gioia. Dio ci ha dato la forza e ho potuto sperimentare la gioia di dare all'altro, di fare del bene in modo gratuito. Abbiamo sentito la protezione e la presenza di Cristo".
Centinaia i chilometri percorsi dai tanti gruppi di giovani, tutti mossi da un’unica forza. “Quando cammini tanto ma hai un obiettivo ben preciso e desiderato, una meta - afferma Lorenzo, marciatore gruppo umbro -, la fatica non la senti più. Abbiamo sentito forte la presenza di Gesù che ci accompagnava passo dopo passo in questa marcia e in ogni più piccolo momento quotidiano che abbiamo vissuto”.


Nelle foto:
la solenne celebrazione eucaristica con i vescovi dell'Umbria (foto Mauro Berti)
l'arrivo della marcia francescana (foto Mauro Berti e Cristiana Costantini)









Questo è un articolo pubblicato il 04-08-2014 alle 03:12 sul giornale del 04 agosto 2014 - 1478 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, giovani, assisi, santa maria degli angeli, festa del perdono, marcia francescana, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/79M