Punti nascita: Assisi chiude, ma Foligno 'scoppia'. La riflessione di Travicelli

Punto nascita Assisi 2' di lettura 26/08/2014 - In merito all’avvenuta chiusura del punto nascita di Assisi, il capogruppo dei Democratici e popolari per Assisi, Claudia Travicelli, torna sull’argomento criticando la scelta della Regione Umbra soprattutto in relazione alla situazione di Foligno, che ora necessita di potenziamento perché non in grado di accogliere i flussi provenienti dall’assisano.

“Mi domando - afferma Travicelli - come si puo' chiudere il punto nascita di Assisi, parlando di risparmi e di tanto altro... e spendere altri soldi per ampliare e potenziare un reparto punto nascita di un ospedale come Foligno, che a dir del direttore asl 2 Sandro Fratini scoppia! Ad Assisi gli spazi ci sono e c'erano, il personale molto competente c'era ed ora si trova catapultato in mezza Umbria! Se si vuole risparmiare e tagliare lo si deve fare, ma non gettando al vento strutture e personale esistente per poi spendere altro denaro pubblico per creare nuovi spazi!
Quanti soldi ora spenderanno? Attendo ancora dal 6 febbraio 2014 una risposta alla mia interpellanza urgente (vedi allegato in fondo), inoltrata alla presidente Catiuscia Marini, per conoscere quanti sono i fondi destinati al distretto assisano e al presidio di Assisi, somme naturalmente comparate con gli altri distretti dell’Asl n.1.
Attendo fiduciosa con la speranza di poter conoscere e far conoscere ai cittadini di Assisi e non solo, i dati da me richiesti. Comprendo il da fare della Regione Umbria, ma penso che questi siano dati che non dovrebbero necessitare di molto tempo per una risposta, in quanto mio avviso trattasi di trasparenza.
Dal comunicato stampa e dalle dichiarazioni del direttore generale della Asl 2 Sandro Fratini, si evince che la fase riorganizzativa dell'ospedale di Foligno necessita di nuovi spazi e personale per il forte incremento degli accessi per il pronto soccorso, intorno al 30% da Assisi e Bastia Umbra, ma anche per la chiusura del punto nascita di Assisi che, riporto le parole virgolettate di Fratini, "CI OBBLIGA A POTENZIARE L'OSTETRICIA E GINECOLOGIA DI FOLIGNO CHE GIA' ORA CON 1200 PARTI, E' IN ENORME DIFFICOLTA' PER SPAZI E PERSONALE".

da Claudia Travicelli
Gruppo consiliare Democratici e popolari per Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-08-2014 alle 15:12 sul giornale del 27 agosto 2014 - 1238 letture

In questo articolo si parla di attualità, politica, assisi, claudia travicelli, punto nascita, ospedale assisi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/8VV