Cannara: la personale di pittura di Armando Tordoni in mostra fino a domenica

Armando Tordoni 12/09/2014 - La sacralità della natura incontra il misticismo dell'antica Ascesi, tra colori e sfumature tipiche del paesaggio umbro. È questo un piccolo assaggio di quello che si può vedere nelle opere di Armando Tordoni, l'artista di origine folignate che fino a domenica 14 settembre esporrà le sue opere a Cannara, nella mostra di via Emanuele II al civico 8.

Armando Tordoni nasce a Foligno il 5 aprile 1978. A quattordici anni inizia la sua passione per la pittura. E' proprio nell'azienda dove tutt'oggi lavora come responsabile del settore verniciatura che conosce Gabriele Minciarelli che lo porta, insieme all'amico Franco Balducci (Gimmi), ad approfondire l'interesse verso quest'arte. Sono proprio gli scenari che si presentano all'osservatore ai piedi di Assisi, tra colline e campagne, che Armando armato di stucchi, spatole, acrilici, oli e pennelli si confronta con un mondo di stimoli infiniti che riproduce su tela, dove nulla è dato al caso e dove spessi grumi di colore ridistribuiscono ordine nel caos degli eventi.
Ogni momento libero diventa quindi un'ottima occasione per immergersi totalmente nel proprio mondo, solo con la sua tela e la natura che si trova di fronte. Le sue opere sono ispirate agli impressionisti e al suo più grande esponente Van Gogh. Visita infatti per ben due volte il Van Gogh Museum ad Amsterdam, successivamente Le Musee D'Orsay a Parigi e riproduce alcune delle sue opere: “Il vaso di girasoli” , “Marina a les Saintes Maries de la Mer” personalizzandole con la sua tecnica.
I suoi dipinti inizialmente sono paesaggistici ma la sua continua ricerca a nuove forme di espressione lo portano ad usare la materia ( gessi, sassi, fiori, specchi, ingranaggi ....) fino a diventare geometrico/paesaggistici. Le sue opere sono esposte in alcune gallerie di Assisi e Spoleto oltre che in alcuni locali di Bastia e Santa Maria degli Angeli. Ha ottenuto nel corso degli anni un gran numero di premi in diverse manifestazioni pittoriche.
Il felice incontro di forme e colori nelle opere di Armando Tordoni
Critica di Sonia Terzino
Strati polimaterici di colore dai quali prendono vita tele di imponente impatto visivo. Questo il tratto distintivo dei lavori di Armando Tordoni. Il giovane artista vive e lavora a Rivotorto di Assisi, dotato di grandi capacità espressive fin da giovane ha dimostrato un talento innato nel campo della pittura, che nel corso degli anni ha sempre portato avanti con passione e grande impegno. Quella che ne è scaturita è un arte che parte dal figurativo classico per approdare alle avanguardie dell’arte contemporanea. Così nascono gli imponenti paesaggi di Armando, dove forme e cromie si incontrano dando vita ad opere accattivanti che colpiscono l’occhio dell’osservatore attento. Ai piedi della città di San Francesco, lì dove da sempre si respira un’aria mistica, un luogo in cui ogni pietra parla d’arte, tra le bellezze di una natura incontaminata nascono i lavori di Armando.
E’ il paesaggio umbro colto nell’eterno splendore, uno dei temi preferiti dal creativo. Dalle tele escono fuori come per magia verdi colline, campi di olivi, vigne rigogliose, il tutto riletto dalle capacità espressive ed interpretative di un artista contemporaneo. L’arte di Tordoni si impone nel panorama moderno per quelle capacità che il creativo possiede da cui emerge una profonda ed immensa sensibilità. Nel corso del tempo Armando è sempre andato affinando le sue innate doti pittoriche cimentandosi in una ricerca costante e continua. Così è approdato all’uso dei gessi, degli stucchi, mantenendo la pulizia e la ricercatezza della forma e del colore.
E’ questa la bellezza dei lavori di Tordoni che prendono corpo da un felice incontro di passato e presente e se alcune opere riportano alla mente i grandi capolavori degli impressionisti francesi, per le tonalità cromatiche e la forza interpretativa della realtà, il tutto viene reso attuale dall’uso di materiali nuovi ed inediti. Ogni momento libero Armando lo dedica alla pittura, nel silenzio della vallata umbra, tra il calore di una famiglia che da sempre gli sta vicino e lo supporta prendono vita le sue tele.
Armato di colori e pennelli il nostro creativo appena possibile si mette davanti alla tela per dare spazio ai sentimenti più intimi e nascosti del proprio animo. I paesaggi, le colline che siano baciate dal sole o ricoperte dalla neve sono un inno, una preghiera di un amore incontaminato ed assoluto per il Creatore. Un profondo velo di religiosità sana, pura investe per magia ogni opera dell’artista e come affermava Giovanni Paolo II è nell’atto della creazione che l’uomo si sente e si avvicina di più a Dio. E’ bello perdersi tra i mille colori, e le atmosfere di Armando che sono il segno tangibile che l’uomo con le sue mani può lanciare un profondo messaggio di pace ed amore universale.







Questo è un articolo pubblicato il 12-09-2014 alle 03:01 sul giornale del 12 settembre 2014 - 1186 letture

In questo articolo si parla di arte, cultura, pittura, mostra, redazione, cannara, articolo, armando tordoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/9C9


silvia

12 settembre, 16:33
buonasera,.... come mai stamattina erano presenti 4 immagini di quadri....e ora ce ne sono solamente 3 ?

Soltanto per motivi di impaginazione. Un cordiale saluto