Bilancio comunale, pioggia di critiche da Claudia Travicelli

Claudia Travicelli 01/10/2014 - Nel pomeriggio di giovedì 25 settembre si è discusso in consiglio comunale il bilancio di previsone con la ricognizione dello stato di attuazione dei programmi di verifica degli equilibri generali, ovvero l'assestamento di bilancio 2014.

Nel dare il mio voto contrario mi sono voluta soffermare su alcuni punti, che mi hanno dato da pensare e che voglio condividere con voi.
Oltre che alla continua accusa della maggioranza al governo Renzi su tutto quello che accade nel nostro Comune e non solo, dimenticandosi forse che la crisi non è venuta fuori dal Governo Renzi, ma da molto prima, e oggi, sia Alfano che in parte lo stesso Berlusconi, da una parte governano insieme allo stesso Renzi e da un'altra si incontrano per cercare una quadra. Questo mio passaggio è doveroso e lascio ai lettori l'analisi.
A proposito del punto in discussione in consiglio comunale ho voluto far presente la chiusura delle tre mense scolastiche su sette presenti, che a dir dell'amministrazione porterebbe un risparmio di circa 35 mila euro. Bene sarebbe, se non doveroso, spalmare questi denari nelle scuole e non rimetterle nel calderone, spenderle per esempio, per i filtri e la ripulitura dei tubi dell'acqua presenti negli edifici scolastici; è di questi giorni la notizia della presenza di acqua dal colore molto scuro che esce dai rubinetto nella scuola materna di Torchiagina e nella scuola primaria di Palazzo di Assisi, il tutto perché nelle mense di Assisi si è scelto di distribuire acqua di rubinetto (acqua sicuramente buona), ma una manutenzione e i relativi controlli sono d'obbligo.
Altro tasto da me toccato nella discussione le indennità di funzione erogate nel Comune, trattasi di 120 mila euro circa, che permettetemi in fase di grande crisi e di un continuo parlare di spending review non mi sembra proprio il caso!
Altro punto da me toccato è la sorte della piscina comunale di Assisi, si era parlato di 220 mila euro pronti per i lavori, di incontri partecipativi e di un progetto di riqualificazione, che si fa attendere, a pensare che l'apertura prevista a detta dell'amministrazione e per la prossima estate.
A tal proposito, ho presentato una interpellanza urgente - allegata qui di seguito - che sarà discussa il primo consiglio comunale utile (di seguito in allegato il testo dell'interpellanza urgente).
Interpellanza Urgente
Piscina Comunale di Assisi: quali sono le reali intenzioni dell’amministrazione comunale, quale futuro?
Dopo la chiusura della piscina comunale, la raccolta firme presentata per la riapertura e i vari articoli comparsi su varie testate si è creato un vuoto intorno a questo argomento. Si è parlato che l’Amministrazione ha stanziato 220. 000, 00 Euro per la riqualificazione del piano vasca, proventi che sarebbero già a disposizione, ma ad oggi, fine Settembre nulla si muove in tal senso. A pensare che codesta opera, come più volte dichiarato dovrebbe essere fruibile dall’estate 2015. Con la mia interpellanza urgente sono a richiedere:
1) Quali sono le intenzioni dell’Amministrazione Comunale;
2) La motivazione per cui oggi fine Settembre 2014, non vi è ancora un Progetto;
3) Come mai non sono state indette fasi partecipative o assemblee con i cittadini, le associazioni del territorio ecc... (come dichiarato più volte dall’Amministrazione), per far sì che si potessero raccogliere tutte le idee e pareri;
4) Se l’amministrazione comunale intende cercare patners per far sì che si possa usufruire di ulteriori investimenti, necessari a far sì che la piscina Comunale di Assisi possa ritornare ad accogliere i cittadini e non, nell’estate 2015.

da Claudia Travicelli
Gruppo consiliare Democratici e popolari per Assisi




Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-10-2014 alle 09:25 sul giornale del 03 ottobre 2014 - 667 letture

In questo articolo si parla di politica, bilancio, assisi, claudia travicelli, bilancio comunale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/0qA