Bettona: il centro diurno Alzheimer spalanca le porte (Fotogallery)

Centro Alzheimer Bettona 04/10/2014 - Il centro diurno per malati di Alzheimer di Passaggio di Bettona ha aperto le porte a tutti i cittadini nella giornata di giovedì 2 ottobre, in un open day dedicato alla conoscenza dei servizi della struttura organizzato dal Consorzio Auriga in collaborazione con l'USL 1 distretto dell'assisano.

L’iniziativa è inserita nel programma dell’Associazione A.M.A.T.A. Umbria insieme alle altre iniziative organizzate per la Giornata Mondiale dedicata all’Alzheimer.
Un Open Day rivolto alla cittadinanza e al personale medico di Medicina Generale, che si è aperto a metà mattinata e ha chiuso i battenti nella seconda metà del pomeriggio. Oltre alla programmazione continua di un video rappresentante le attività quotidianamente svolte all’interno della struttura, accompagnato fra l’altro da un’ampia mostra fotografica, è stata fatta anche una dimostrazione pratica delle suddette attività, con gli ospiti che si sono resi partecipi nell'ambito nella musicoterapia, psicomotricità, arteterapia e ceramica.
L’evento è stato realizzato in collaborazione con il Consorzio Auriga, la cui presidente, Liana Cicchi, ha voluto ricordare l’importanza della struttura: “E’ importantissimo far conoscere i centri diurni per malati di Alzheimer perché questa malattia è in forte espansione. Non c’è una cura per debellarla, ma in questo modo cerchiamo di migliorare la vita dei malati, alleggerendo inoltre i compiti gravosi delle famiglie. E’ fondamentale sottolineare come queste attività rallentino il decorso della malattia stessa”.
Il centro è una struttura semiresidenziale dell'USL Umbria n.1, inserita nel distretto assisano diretto dalla Dottoressa Maria Gigliola Rosignoli, che accoglie dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17, ben 12 ospiti.
“Contiamo di ricreare il più possibile l’ambiente familiare – ha sottolineato Monica Rossini, coordinatrice dei centri diurni Alzheimer per il Consorzio Auriga - grazie al quotidiano e prezioso lavoro svolto dagli operatori e dall'equipe sanitaria multidisciplinare. Puntando soprattutto a riproporre quell'attività che gli ospiti, prima della malattia, svolgevano abitualmente. Compiti di carattere casalingo per le donne e qualche lavoro manuale per gli uomini".
All’Open Day hanno partecipato l’assistente sociale del centro, Giselda Catani e la Dottoressa Rita Antonini, responsabile sanitaria dello stesso Centro Diurno che ha ribadito: “Era determinante dare visibilità al centro. Vorrei sottolineare la valenza di riabilitazione globale di cui è dotata la struttura e la stimolazione costante che gli operatori offrono a servizio di una malattia che purtroppo è in costante crescita”.







Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-10-2014 alle 03:32 sul giornale del 04 ottobre 2014 - 665 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, alzheimer, bettona, centro diurno alzheimer

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/0Ad