Centro storico, raccolta differenziata al via. Ma i cassonetti sono subito pieni

Rifiuti piazza San Rufino 14/10/2014 - A partire da lunedì scorso, 6 ottobre, il sistema di raccolta differenziata dei rifiuti nel comune di Assisi è stata estesa anche al centro storico, attraverso il posizionamento di cassonetti collocati in apposite postazioni allestite per lo smaltimento differenziato di carta, plastica, frazione organica e rifiuti indifferenziati.

Per il rifiuto organico sono stati posizionati contenitori al servizio delle piccole utenze commerciali, quali negozi e bar, e dei cittadini residenti nelle diverse zone del centro storico, mentre un servizio personalizzato di raccolta dell’organico è attivato presso ristoranti ed alberghi attraverso contenitori personali da tenere all’interno della proprietà.
La novità, ha spiegato l’amministrazione comunale, ha come obiettivo quello di offrire “sempre migliori servizi a residenti e turisti, nonché valutare soluzioni alternative che meglio si adattino alla singolarità del centro storico di Assisi, animato durante tutto l’anno da migliaia di visitatori”.
Un servizio che gli utenti sembrano aver accolto di buon grado, tanto da riempire fin da subito molti dei cassonetti dislocati nelle piazze e nelle vie più frequentate del centro storico generando uno spettacolo che non è piaciuto affatto ad alcuni cittadini, preoccupati per la presenza di sacchi di spazzatura che fuoriescono dai cassonetti e per la presenza di rifiuti ingombranti lasciati fuori dai cassonetti (come, ad esempio, la vecchia rete di un materasso).
E se questo è lo scenario ad una settimana dall'avvio del nuovo servizio, la preoccupazione cresce esponenzialmente se si considera il modesto afflusso turistico del periodo attuale rispetto ai grandi flussi estivi o in occasione dei grandi eventi, che potrebbero far degenerare la situazione nel giro di breve tempo.

Certamente il servizio è ancora in fase di rodaggio e, di conseguenza, perfettibile. Sarebbe forse auspicabile già da ora, tuttavia, una riflessione sulla frequenza di raccolta e un maggior controllo da parte delle autorità preposte per evitare il rischio che nel centro storico di Assisi possano spuntare tante piccole discariche a cielo aperto, certamente non degne di una città come Assisi.





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 14-10-2014 alle 03:53 sul giornale del 14 ottobre 2014 - 1039 letture

In questo articolo si parla di attualità, raccolta differenziata, redazione, assisi, sara caponi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/03k