Lo spirito di Assisi strumento di pace e dialogo fra le religioni (Fotogallery)

Celebrazioni Spirito di Assisi 2014 3' di lettura 27/10/2014 - La celebrazione del 28° anniversario dello storico evento voluto dal Santo Giovanni Paolo II, di incontrare i capi religiosi del mondo intero e con loro pregare ad Assisi per la pace, ha mostrato ancora una volta come lo “Spirito di Assisi” sia vivo nei cuori di tutti coloro che anelano alla pace.


Papa Francesco ad Assisi, il racconto in dvd
Ad aprire l’anniversario dello “Spirito di Assisi” è stata la presentazione e la proiezione del documentario in dvd che racconta attraverso immagini e interviste i momenti più toccanti della visita di papa Bergoglio ad Assisi il 4 ottobre 2013.
Una copia del documentario è stata inviata al Santo Padre, mentre un’altra è stata consegnata personalmente dal vescovo della Diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino monsignor Domenico Sorrentino al segretario di Stato della Città del Vaticano cardinale Pietro Parolin, che ha apprezzato il dono e l’iniziativa.

La presentazione ufficiale si è svolta sabato scorso nel salone papale della basilica di San Francesco. “Con questa iniziativa - spiega una nota - la diocesi ha voluto fare memoria dell’intenso pellegrinaggio di Papa Francesco e dare una testimonianza concreta perché i gesti e le parole del Santo Padre vengano riascoltati e assimilati”.

Il dvd, realizzato con il sostegno delle Casse di risparmio dell’Umbria, sarà poi in distribuzione gratuita con il Corriere dell’Umbria martedì 28 ottobre.


Religioni in dialogo per la pace

L’anniversario dello Spirito di Assisi, voluto da papa Giovanni Paolo II e celebrato per la prima volta nella città serafica nel 1986, è stato celebrato con una “tre giorni” di appuntamenti e iniziative importanti.

Ieri, domenica 26 ottobre, a San Francesco, dopo la testimonianza di padre Pierbattista Pizzaballa Ofm, custode di Terra Santa, si è svolta una preghiera interreligiosa tra cristiani, musulmani ed ebrei, una bella e articolata preghiera con i tre rappresentanti delle Fedi monoteiste a guidare ciascuno tre intenzioni rivolte a Colui che solo è Dio: innanzitutto un rendimento di grazie per la Creazione, quindi una richiesta di perdono per le proprie colpe, ed infine una vera e propria invocazione per la pace. In serata nella Basilica di Santa Maria degli Angeli, si è poi svolta una preghiera ecumenica per la pace.
Due gesti simbolici hanno concluso il momento di preghiera, reso particolarmente difficile dal vento e dalla temperatura piuttosto bassa: la consegna di una pianta d’olivo e di una lampada accesa al Custode di Terra Santa, a Mons. Sorrentino, al Rabbino Luciano Caro e allo Shaykh Abd al-Wahlid Pallavicini. Infine tutti i presenti si sono recati in simbolico pellegrinaggio alla Tomba di San Francesco dove ciascuno ha potuto aggiungere la propria preghiera silenziosa.
Oggi, lunedì 27 ottobre, anniversario dello storico incontro di Giovanni Paolo II del 1986, nel salone Papale di San Francesco, si svolgerà un convegno dal titolo: “Abramo nostro Padre nella fede: tre popoli, tre fedi. Quale dialogo?”.
Nella fotogallery (in basso):
la presentazione del dvd su papa Francesco e i momenti più significativi delle celebrazioni dello “Spirito di Assisi” (foto Mauro Berti)








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-10-2014 alle 03:49 sul giornale del 27 ottobre 2014 - 712 letture

In questo articolo si parla di attualità, Frati Minori, assisi, Raffaele Aristei

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.biz/aaCU